R: Proposta di modifica delle regole PDR + proposta formale al CE

Riccardo Roversi rroversi a SLA.IT
Sab 31 Ago 2002 14:46:21 CEST


Come al solito Lapo è molto efficace

La proposta, anche se parziale (ma è lo stesso proponente a riconoscerlo, merita attenzione e mi sento di appoggiarla

Quanto all'invito a saggi e EC a farsi sentire, è un invito sacrosanto

Forse dovrebbe essere il Presidente, in quanto titolare del potere/dovere di vigilanza sugli EC, a invitare tutti gli EC e, loro tramite, tutti i saggi a partecipare attivamente alle discussioni di questa lista



Riccardo Roversi



-----Messaggio originale-----
Da: Lapo Sergi [mailto:lapo.sergi a quixe.it]
Inviato: venerdì 30 agosto 2002 22.28
A: ita-pe a NIC.IT
Cc: exec a na.nic.it
Oggetto: Re: Proposta di modifica delle regole PDR + proposta formale al CE

Dico la mia: non sono convinto della necessità di un secondo grado di
giudizio.

Lo strumento PDR (e vorrei che si iniziasse ad usare questo esatto acronimo
per Procedure di Riasssegnazione anzichè MAP, che sono un'altra cosa) è
abbastanza agile e finalmente abbastanza riconosciuto anche dall'utenza.

Certo, come strumento ideato da umani e gestito dagli stessi può essere
fallibile, ma tutto sommato - e mi riallaccio al pensiero di Fogliani e
Roversi  - funzionano avendo prodotto proporzionalmente pochi errori su
diverse procedure.

Però su una cosa ritengo siano migliorabili: non tanto inventandosi
ri-riassegnazioni, o controprocedure o meccanismi cervellotici di
assegnazione saggi o enti (anche se la rotazione dei saggi... ma concordo
con Roversi quando dice che la qualità di un  EC dipende anche da quali
saggi riesce a coinvolgere...).

Vorrei però - perlomeno - vedere e sentire TUTTI i responsabili di EC su
questa lista ed anche il maggior numero di saggi possibile. Perchè solo qui
in ita-pe (è mio parere ed almeno in Italia)  si è al vertice della
discussione del diritto dei DN, solo qui si trovano tutti i maggiori esperti
nazionali della materia e si ha la possibilità di ascoltare e confutare
opinioni dei maggiori giuristi in materia da Monti a Fogliani, da Guerrieri
a Roversi, Menchetti, Del Ninno, Buonpensiere, Ambrosini, Veglianti,
Biasiolo, Pisapia  e tutti gli altri, anche non Avvocati, il cui parere -
però - è sempre tenuto in considerazione e talvolta pieno di buon senso
(anche se serpeggia un "bonario" conflitto avvocati-tecnici a sfavore dei
primi perchè ci sono più tecnici che danno pareri legali che legali a
parlare di IPv6 :-)))

Per questo diffido e punto l'indice (tu quoque...) - su VALDA.IT e la saggia
che non vedo in lista (non è iscritta?) e sull'Ente Conduttore i cui
organizzatori non sono in lista (sbaglio?).

Perchè se ci accontentiamo di adattare alla bell'e meglio la normativa dei
marchi d'impresa o la tutela del patronimico ai nomi a dominio, commettiamo
lo stesso errore delle prime sentenze di magistratura ordinaria (ed io che
abito ad Empoli sento il "peso" di Sabena.it - capolavoro del tribunale
locale del quale NON sono mai stato consulente :-))).

E allora che ci siamo creati a fare?

Il saggio - come l'organizzatore di EC - deve a mio parere essere qui a
discutere altrimenti assumo che non nutra la mia stessa passione per la
materia. Deve sapere lo scopo, la natura e l'essenza della PDR , è il
minimo!

Diffido sempre - ad esempio - dei congressi sul diritto internet i cui
relatori non conosco personalmente o di cui non ho letto le opinioni in
lista. Possono essere anche giuristi famosi o gran professori d'università
ma .... se fossero veramente interessati starebbero qui a discutere con gli
altri.

Sbaglio?

Dunque la mia proposta è per una maggiore qualificazione dei saggi e per una
riduzione del numero minimo degli stessi negli EC da 15 a 5.

E per non linitarmi alle parole:

******** PROPONGO FORMALMENTE AL CE *****************

LA RIDUZIONE DEL NUEMRO DI SAGGI OBBLIGATORI NELLE LISTE DEGLI ENTI
CONDUTTORI DA 15 A 5.

******** FINE PROPOSTA FORMALE ************************

Sulla qualificazione dei saggi - invece - vorrei aprire un dibattito poichè
è ben difficile stabilire dei criteri di base.

cordiali saluti

Lapo Sergi



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe