Commento a Marco Negri

chiari mario chiari.hm a FLASHNET.IT
Mer 4 Dic 2002 12:15:37 CET


At 09.17 04/12/02 +0100, Enzo Fogliani wrote:
>Griffini Giorgio ha scritto:
............

>Il problema, a mio avviso, Ŕ nella funzione attuale della NA.
>Inizialmente, essa era il punto di incontro fra Maintainer e RA.
>Rappresentava circa il 90% dei maintainer e quindi assolveva
>sostanzialmente il ruolo di ente che dettava le regole operative che si
>inserivano nel contratto RA-maintainer (o contributori che dir si
>vogliano).
>
>Oggi non e' piu' cosi', e probabilmente e' questa la ragione del
>malessere di alcuni maintainer. La NA rappresenta solo il 10-15% dei
>maintainer e circa 1/3 dei suoi membri non lo sono, e non hanno quindi
>grande interesse nelle vicende contrattuali.

non mi pronuncio sulla diagnosi, ma la terapia ha elementi validi.
Piuttosto che lo sdoppiamento, io crederei pi¨ opportuno una configurazione
della NA in forma di rappresentanti di distinti ruoli nel funzionamento e
uso complessivo del sistema:

Per esempio, con un CE/CdA di 8/9 membri:
-- 1 rappresentante MNT grandi
-- 1 r mnt piccoli
-- 2 r enti di standardizzazione (UNINFO/ISO, ISOC.it/IETF),  oppure eletti
da lista dei tecnici accreditati (vlista formata via cooptazione come da
attuale Assemblea NA)
-- 2/3 registranti (per es. nominati da associazioni rappresentative
accreditate, a rotazione oppure (in prospettiva) inserendo un nuovo field
nella registrazione, in cui ogni registrante dichiara quale associazione lo
rappresenta, e considerando le pi¨ scelte)
-- 1 r. Governo, con diritto di veto
-- 1 r. gestore Registro con limitato diritto di veto

ciao mario


>
>A mio avviso sarebbe necessario quindi uno sdoppiamento di funzioni e di
>enti come segue:
>
>A) Un ente che assolva le funzioni di "normatore contrattuale" come era
>alle origini la NA, nel quale possano (o debbano essere iscritti) tutti
>i maintainer; in questo ente potrebbe valere il concetto "un dominio un
>voto", o del voto pesato, in quanto vi verrebbe riflessa la forza
>contrattuale dei singoli maintainer; le norme che predisporrebbe questo
>ente sarebbero norme rigidamente tecniche.
>
>B) Un ente che assolva le funzioni di "normatore generale" come e'
>adesso la NA; ossia che ponga le norme di carattere giuridico, valevoli
>per tutti gli interessati ai nomi a dominio (RA, Maintainer,
>assegnatari, etc.), quali: contenuto della LAR, responsabilitÓ di RA e
>Maintainer, Procedure di riassegnazione e arbitrali, etc.; In questo
>ente dovrebbero valere i principi che informano la NA attuale.
>
>In questo modo si supererebbero molti dei problemi attuali, nei quali la
>NA, non essendo piu' esclusivamente ne' l'una ne' l'altra cosa, sembra
>non accontentare piu' nessuno.
>
>Saluti a tutti,
>
>    Enzo Fogliani.
>
>
>-------------------------->>>  <<<--------------------------
>Avv. prof. Enzo Fogliani, via Prisciano 42, 00136 Roma
>Tel.:  +39-06-35346935; Fax:  +39-06-35453501
>http://www.fog.it/enzo - E-Mail: fog a fog.it
>



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe