Petizione e richiesta di assemblea

Claudio Allocchio Claudio.Allocchio a GARR.IT
Sab 7 Dic 2002 15:45:05 CET


> Nelle scorse settimane lo IIT-CNR, ente pubblico che svolge le
> funzioni operative di registro per i domini .it, in seguito alle
> pressioni giunte da alcuni grandi operatori del settore, ha deciso di
> eliminare unilateralmente il processo di creazione pubblica e
> democratica delle regole per la registrazione dei domini .it
> attualmente affidato alla Naming Authority Italiana, delegando questo
> compito ad un indefinito comitato chiuso da se stesso nominato.
>
> Questa azione e' stata giustificata con una presunta scarsa efficienza
> e responsabilita' da parte della Naming Authority, nonostante sia in
> corso da tempo, con la partecipazione anche del Governo, un processo
> di riforma dell'assetto attuale proprio per migliorare gli aspetti
> normativi ed operativi della registrazione dei domini .it.
>
> Per queste ragioni:
>
> - ribadiamo l'inopportunita' e l'illegittimita' della decisione
> unilaterale dello IIT-CNR e chiediamo la sua revoca immediata;
>
> - chiediamo totale trasparenza da parte di tutti gli attori coinvolti
> nel processo di riforma, mediante la presentazione e discussione
> pubblica delle proposte in campo;
>
> - chiediamo, ai sensi dell'articolo 3 dello Statuto della Naming
> Authority, la convocazione nel piu' breve tempo possibile di una
> Assemblea della NA, allo scopo di discutere ed adottare misure per
> ripristinare la sua credibilita' e il suo ruolo;
>
> - ribadiamo il principio internazionalmente adottato secondo cui le
> norme di amministrazione tecnica della rete devono essere fatte da
> organismi equamente rappresentativi di tutta la comunita' Internet
> locale, inclusi i provider/maintainer di qualsiasi dimensione, i
> professionisti che si occupano di Internet nell'ambito della propria
> attivita', i clienti finali dei servizi interessati, e gli utenti
> della rete in generale, a garanzia della concorrenza di mercato e
> della liberta' di espressione in rete;
>
> - chiediamo il sostegno e l'intervento delle Istituzioni, ma anche di
> tutti coloro che hanno a cuore il destino di Internet in Italia,
> perche' nel nostro paese non venga rinnegata la tradizione aperta e
> "bottom-up" delle procedure di gestione tecnica della rete, che e'
> alla base del suo successo, della sua liberta', e del suo buon
> funzionamento.
> ====

Il testo va benissimo, Vittorio, lo possiamo diffondere quando vuoi, ma
comunque, ribadisco che e' meglio aspettare la riunione del 20 Dicembre
del tavolo dei domini, prima di convocare un'assemblea... e come e' gia'
stato giustamente suggerito, nel frattempo si suggerisce a tutti di NON
firmare alcun contratto.

Dopo il 20, tra l'altro, vedrai se davvero ho fatto i clamorosi errori
che dici, o se ho fatto ancora una volta qualcosa di buono ler la rete e
la sua comunita' in Italia.

ciao!
Claudio Allocchio



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe