R: dal Tavolo dei Domini, articoli per la discussione.

Paolo Zangheri paolo.zangheri a ALTAIR.IT
Lun 9 Dic 2002 11:03:47 CET


Tre sole lettere: RAI

In programma: lottizzazione, dimissioni dei consiglieri di minoranza,
perdita di contatto con la base degli utenti, qualità del sergvizio in
picchiata....

Non mi stupisce quindi che il Ministero delle Comunicazioni adori un
simile modello

Inoltre saranno 9 matematicamente (boh), ma NON ci sono 9 rappresentanti
espressi dalla base, come già detto io non ne vedo più di 6 volendo
essere ottimisiti e 2 nella peggiore delle ipotesi (di solito quella
preferita dal fato).

A meno di pensare che l'odierno annuncio di dismissione del pacchetto
Telecom Italia da parte del Tesoro rassicuri tutti gli italiani che il
rappresentante di Telecom Italia sia portavoce degli interessi degli
utenti e dei cittadini. Mi spiace poi dire che mia nonna, possibile
titolare di un dominio, non si sente rappresentata dal GARR (che non
conosce e non comprende)...

Infine i rappresentanti del registro non saranno in una posizione
felice, dovendo rispondere indirettamente al CdA.

Insomma, anche fossero 9 a 7, il margine teorico di vantaggio sulla
fiducia è talemtne risicato che non rappresenta sicuramente un ostacolo.

L'impianto ipotizzato funziona TROPPO sulla FIDUCIA e sulle BUONE
INTENZIONI, ma alla prova dei fatti non resisterà 2 minuti.

Ogni scarrafone è bello a mamma suja, ma questo, caro Claudio, è proprio
bruttino, anche perchè tradisce clamorosoamente il mandato che
l'assemblea ti aveva affidato.

Questa cosa probabilmente è in grado di far funzionare la gestione del
ccTLD .it in modo opportuniticamente sufficiente, non è sicuramente in
grado di assicurare (ecco una bella parola, meglio di "opportuno" o
"fiducia") una gestione democratica o efficiente del sistema, non
migliora le cose, ma congela le attuali gelosie e brame di potere.

Paolo Zangheri



Claudio Allocchio wrote:
>>Sull'Art 10 > Se il Ministero ne nomina 3 vuol dire che automaticamente
>
> un suo "consigliere" ne sarà anche il Presidente...
>
> Ne sei davvero tanto sicuro? Pensi davvero che chi entrarebbe a far parte
> del "sistema" lascierebbe prendere decisioni che no piacciono a
> maintainer, utenti, etc... ? Se si iniziano a fare decisioni "lottizzate"
> non credi che come minimo 2 consiglieri di CdA (quelli "dal basso") si
> dimetterebbero, seguiti in blocco dai 9 (perche sono 9 per chi sa
> contare) del comitato tecnico, bloccando tutto?
>
> Se la "fiducia" nelle persone e' tanto scarsa, allora nessun orgnaismo di
> nessun genere puo' funzionare. A quanto pare, ma mi sembra normale nel
> mondo fatto di umani, c'e' gia' chi da tempo pensa che anche la NA cosi'
> come e' fatta e' composta di persone di cui non ci puo' fidare perche'
> fanno sotterfugi, accordi sottobanco per i propri interesi personali (ma
> se qualcuno mi li venisse a spiegare, ne sarei felice, cosi' finalmente
> anche io inizio ad esempio a guadagnarci qualcosa (-: ). Altri esempi?
> ce ne sono dappertutto... L'importante sono "le persone" che vengono
> messe in certi posti: possono far funzionare tutto bene, o creare
> problemi serissimi. Ve ne sono di esempi, anche tra di noi.
>
>
>>Se qualcuno deve fare delle "nomine" queste non devono portare alla
>
> maggioranza del CdA
>
> Attenzione a tutti: "nomine" nel linguaggio di uno statuto significa
> spesso "ratifica" di una proposta fatta.
>
>>Sull'Art 11
>>Perché i componenti sono di numero pari?
>
>
> 11 ? immagino che volevi dire 13.
>
> E' uno dei punti in discussione. C'e' stata sia la proposta di "pari ma
> il voto del Direttore del Comitato tecnico conta doppio in caso di
> partia'" (vedi il nostro CE) oppure dispari e basta. I suggerimenti sono
> aperti.
>
>
>>>>Sull'Art 14
>>>
>>L'Esercizio inizia il 1 Gennaio e si conclude il 31 Dicembre di ciscun anno
>
>
> OK, segnalo la cosa (ammesso che non sia una cosa "implicita per legge" e
> quindi non serve).
>
> Grazie per i commenti !!
> Claudio Allocchio
>
>



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe