nomi a dominio "pericolosi per l'ordine pubblico"

Maurizio Codogno puntomaupunto a TIN.IT
Lun 9 Dic 2002 17:00:46 CET


> >NOn lo so solo io, ma lo sanno tutti quelli che si sono trovati di fronte
>
> >a richieste che "al buon senso" sembravano perlomeno "pericolose" o
> >"sospette"....
> >
> >vivabinladen.it

>Se proprio bisogna chiederlo a qualcuno io lo chiederei a qualcuno pių
>vicino a un tribunale che alla polizia.
>
>Ma d'altra parte io non vedo nulla di male nella registrazione in sč di
>questo dominio, e sarei curioso di sapere con quali motivazioni č stata
>rifiutata.

piu` che altro, ricordo bene che il problema con questo tipo di nomi
(o se preferite massimodalema.it) era che la RA non si sentiva
tutelata, e quindi l'esistenza di un "qualcosa con bollino
governativo" aiutava il registro a non preoccuparsi.

Concordo con Marco che a questo punto cadrebbero tutti questi vincoli:
arriva la richiesta per il dominio, e la si passa al Ministero
degli Interni perche` controlli cosa ci fanno. Ma intanto la si manda
avanti... la *registrazione di un nome* non puo` essere apologia di
reato.

ciao, .mau.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe