dal Tavolo dei Domini, articoli per la discussione.

Eusebio Giandomenico e.giandomenico a GORGIA.IT
Mar 10 Dic 2002 01:31:37 CET


At 23:32 +0100 8-12-2002, Claudio Allocchio wrote:
>Request for public comments... quindi commentate, suggerite etc...
<...>
>ARTICOLO 6 - ORGANI E STRUTTURA OPERATIVA
><...>
>La struttura organizzativa della Fondazione deve in ogni caso prevedere
>le seguenti funzioni:

Inserire nello statuto l'organigramma funzionale e' contrario al buon
senso, e riduce pericolosamente l'autonomia del CdA, per ciascuna
voce sono infatti possibili voci alternative che debbono rientrare
nell'autonomia di gestione del CdA, ad es.

>_ Ufficio Controllo Interno (di supporto al Collegio Sindacale);

Ci si puo' avvalere di una o piu' societa' di revisione esterne

>_ Ufficio legale;

Ci si puo' avvalere di uno o piu' studi legali esterni

>_ Ufficio per la risoluzione delle dispute;

Ci si puo' avvalere del sistema camerale delle Camere Arbitrali, la
Camera di Commercio di Milano ha approntato anche un servizio on-line
...

>_ Segreteria amministrativa (di supporto al consiglio di amministrazione);

e' un'indicazione inutile

>_ Segreteria tecnica (di supporto al comitato tecnico e di relazione con
>il registro);

e' un'indicazione inutile

>_ Ufficio stampa e pubbliche relazioni.

Ci sono strutture a cui demandare in outsourcing questo aspetto

>ARTICOLO 7 - REQUISITI
><...>
>Il difetto, anche sopravvenuto, dei requisiti per la nomina e la mancata
>rimozione delle situazioni di incompatibilita' determinano la decadenza
>dalla carica.

Manca anche qui - come nel nostro statuto - la voce "incompatibilita'
fra le cariche", lo stesso soggetto potrebbe essere impegnato nel
CdA, nel Comitato Tecnico e nella risoluzione delle dispute...

>ARTICOLO 10 - CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE
><...>
>I membri del Consiglio di Amministrazione, ivi compresi i Vice
>Presidenti, durano in carica tre anni dalla prima riunione dell'organo.
>Alla scadenza rimangono comunque in carica fino alla ricostituzione
>dell'organo.

Nelle disposizioni transitorie metterei indicazioni certe sulla prima
convocazione di quest'organo

>ARTICOLO 11 - CONVOCAZIONE E RIUNIONI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE
><...>
>Le riunioni possono essere tenute anche in videoconferenza,

Abiliterei il CdA ad usare anche la firma elettronica...
(da ieri tutti i legali rappresentanti delle societa' di capitale
italiane debbono obbligatoriamente utilizzare la firma digitale per
comunicare con le Camere di Commercio...)

>ARTICOLO 13 - COMITATO TECNICO
>
>Il Comitato Tecnico e' composto da 16 membri nominati dal Consiglio di
>Amministrazione sulla base di designazioni effettuate, ai sensi dei commi
>successivi, in numero di:
>_ 2 rappresentanti eletti dai provider/maintainer con un contratto in
>essere per la registrazione di domini nel ccTLD 'it',
>provider/mainteiner identificati secondo le modalita' determinate dal
>Consiglio di Amministrazione;

eliminerei *identificati*, il CdA puo' determinare il meccanismo di
elezione ma non identificare i rappresentanti. Sarebbe comunque
corretto definire da subito se si vota per partita IVA o per numero
di domini registrati.

>_ 2 rappresentanti delle associazioni di operatori di telecomunicazioni,
>associazioni identificate secondo le modalita' determinate dal Consiglio
>di Amministrazione;

due voti difficili da assegnare ...

>_ 2 rappresentanti eletti tra le associazioni riconosciute di utenti
>Internet, associazioni identificate secondo le modalita' determinate dal
>Consiglio di Amministrazione;

altri due voti difficili da assegnare ...

Ci sono poi strutture che gia' riuniscono aziende, utenza e
associazioni di categoria, come ad esempio Certicommerce.net che, pur
essendo una realta' importante per la qualita' del commercio
elettronico in Italia non avrebbe accesso al CT...

>_ 2 rappresentanti del gestore tecnico del Registro;

ne basta uno, che senso ha 2? Il gestore tecnico non ha un "peso", e'
solo una presenza tecnicamente necessaria.

>_ 1 rappresentante della Rete dell'Universita e della Ricerca Scientifica
>Italiana (GARR);

essendo l'unico centro di eccellenza che abbiamo sul tema e' d'obbligo.

>_ 2 rappresentanti del Ministero delle Comunicazioni;
>_ 2 rappresentanti della Presidenza del Consiglio;
>_ 1 rappresentante del Ministero delle Attivita' Produttive;
>_ 1 rappresentante del Ministero degli Interni;
>_ 1 rappresentante del MIUR.

Dal punto di vista dell'efficienza del Comitato Tecnico e' necessario
che il Governo esprima chiaramente ed univocamente la sua linea, gli
incontri fra i diversi dicasteri si svolgono gia' in altri luoghi
(Commissioni Broadband, e-business, etc) per quanto riguarda il
potere d'indirizzo e' sufficiente la presenza nel CdA di tre voti di
nomina ministeriale.

>I membri del Comitato Tecnico devono essere individuati tra persone di
>comprovata capacita' in campo culturale, scientifico, imprenditoriale,
>amministrativo, delle libere professioni e delle iniziative sociali, in
>grado di favorire il migliore perseguimento dei fini della Fondazione e
>dei compiti del Comitato.

Direi che e' inutile: i rappresentanti dei dicasteri non penso
possano essere ricusati, gli altri sono elettivi...

>I componenti del Comitato Tecnico non rappresentano i soggetti che li
>hanno designati, ne' ad essi rispondono.

Direi che allora bisogna eliminare il termine "rappresentanti"
nell'elenco dei componenti del CT che risulterebbe dunque:

_ 2 eletti dai provider/maintainer ...
_ 2 designati delle associazioni di operatori ..
_ 2 designati dalle associazioni riconosciute ...
_ 2 designati dal gestore tecnico del Registro;
_ 1 designato dalla Rete dell'Universita ...
_ 2 designati dal Ministero delle Comunicazioni;
_ 2 designati dalla Presidenza del Consiglio;
_ 1 designato dal Ministero delle Attivita' Produttive;
_ 1 designato dal Ministero degli Interni;
_ 1 designato dal MIUR.

>I componenti del Comitato Tecnico durano in carica tre  anni dalla data
>di insediamento. A mandato scaduto i componenti restano in carica fino
>alla loro sostituzione.

Introdurrei i concetti di rotazione e limite di mandati consecutivi
il che renderebbe eventualmente possibile la riduzione dei designati
ministeriali ed una piu' efficiente rappresentanza del fronte
associativo.

>Il Comitato Tecnico elegge il Presidente, due Vice Presidenti di cui un
>vicario e il Segretario, a maggioranza assoluta dei suoi componenti.

Eviterei la maggioranza assoluta secca per evitare di esporre un
aspetto cosi' delicato al pericolo di boicottaggio.

>Nei casi d'urgenza l'avviso di convocazione deve essere spedito per
>telegramma almeno quattro giorni lavorativi prima della riunione.
>Resta inteso che la presidenza si impegna comunque a notificare per
>via breve la convocazione a tutti i componenti il comitato.

Abiliterei il Comitato Tecnico in caso d'urgenza (ma non solo) ad
usare la mail e la firma digitale...

>Per la validita' delle riunioni del Comitato e' necessaria la presenza di
>almeno la meta' piu' uno dei componenti. In caso di assenza del Presidente
>le riunioni sono presiedute da uno dei Vice Presidenti. Le deliberazioni
>del Comitato sono adottate a maggioranza dei presenti.

Espliciterei il fatto di considerare presenti i collegati in
videoconferenza, secondo l'attuale bozza di statuto solo il CdA ha
diritto alla videoconferenza...


EG



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe