Comitato tecnico e gruppo tecnico.

Alessandro Ranellucci alex a PRIMAFILA.NET
Mer 11 Dic 2002 18:11:38 CET


On 11-12-2002 at 17:12, Enzo Fogliani wrote:

 >Un principio fondamentale di diritto contrattuale afferma che le
 >parti, con un proprio contratto, non possono in alcun modo incidere
 >sui diritti di terzi. Le norme decise dal gruppo tecnico, in quanto
 >destinati all'inserimento nel contratto, sarebbero appunto quelle che
 >riguardano MNT  e registro.

Comprendo il principio che hai citato, anche perché è la ragione per cui
la NA non può essere privata della sua autorevolezza da un contratto
RA/MNT (visto che tutti gli assegnatari hanno finora esplicitamente
dichiarato di riconoscere le *regole della NA*). Il contratto RA/MNT in
questo caso va ad incidere sui diritti e sui rapporti di terzi: NA e
assegnatari.

Non capisco però come lo stesso principio si applichi alla formulazione
del contratto: il CT si limita a predisporre un testo che le due parti
(CdA e MNT) sottoscriveranno integrandolo nei soli aspetti economico e
legale.

Sottrarre alcuni aspetti delle regole alla valutazione del CT, che
rappresenta pariteticamente tutte le componenti interessate al
funzionamento del sistema, per affidarli ad un comitato dove di fatto
sono i grandi maintainer a decidere, vuol dire consegnare il 70%+ delle
decisioni ai soliti pochi potenti.

Infine: come si fa a decidere *cosa* stabilisce il comitato maintainer e
*cosa* stabilisce il CT? A chi spetta, per esempio, modificare le
procedure tecniche di registrazione, che pure influiscono molto sul
contratto RA/MNT?


--
Alessandro Ranellucci  (HOSTING CENTER)           <alex a primafila.net>
Ph. +39 06 6788489 - Fax +39 06 23315902 - http://www.hostingcenter.it



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe