Consenso: era discussioni in lista

Paolo Zangheri paolo.zangheri a ALTAIR.IT
Mar 17 Dic 2002 12:54:41 CET


chiari mario wrote:

> Detta volgarmente, o pensiamo a .it come una club privato, magari molto
> popolare, ma che se non ti aggrada, esci e te ne fondi un altro (come in
> teoria potrebbe essere per i gTLD e la federazione gioco calcio), oppure
> come un servizio pubblico, a cui tutti i cittadini debbono poter accedere
> secondo regole pubblicamente decise (come la concessione della patente di
> guida).

Tenendo conto che non possono esistere 2 ccTLD .it, dovendo per forza
avere un'entry unica nei root server è difficile prevedere uno scenario
di scissione.
E poi, patente di guida, ormai il 90 % è concessa attraverso un'agenzia,
si paga un capitale per le lezioni e le guide, e se provi ad andare da
"privatista", ti trovi sempre con una macchina che non va bene.....

I problemi nascono, come sempre, quando si deve stabilire non come
registrare un dominio (modulo, lar, form, pergamena) ma chi può
registrare un dominio (e qui, occorre che lo STATO stabilisca una regola
universale, scegliendo che cosa mettere tra dominio e marchio (= o <>).

Nessun ente, associazione, istituto o fondazione che sia potrà dare una
risposta al quesito, essendo almeno il 50 % della questione attinente a
cose regolate per legge.

Io credo che il tavolo dei domini dovrebbe trovare prima una risposta
alla questione di fondo e poi stabilire soluzioni e scenari.

Paolo Zangheri



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe