FYI: Convocazione CE

Claudio Allocchio claudio.allocchio a GARR.IT
Ven 27 Dic 2002 15:27:46 CET


Buon giorno a tutti... ed auguri in ritardo, visto che il mailer della
Direzione GARR ha deciso di prendersi il ponte natalizio e fare "festa"
dal 24 a stamattina, qundi scusate il ritardo involontario.

> Ci "auguriano" che il 28 lor signori possano farci sapere com'e' sia andata
> il 20.

Andrea ha gia' spiegato a tutti che c'era l'accordo preso il 20 che il
"comunicato ufficiale" lo avrebbe fatto il ministero, essendo loro i
padroni di casa al Tavolo dei Domini. Ovviamente tra corsa finale per la
finanziaria e Natale qualche ritardo e' possibile.

Quindi, non c'e' nessun problema di "rispetto" nei confronti di nessuno,
caro Raimondo, ma solo di cortesia nei confronti del padrone di casa.

:-)

Ad ogni modo,  la riunione del 20 e' stata molto positiva, e per vari
aspetti:

 - sono state esaminate la varie obiezioni e suggerimenti che sono venuti
dalla lista e da altre fonti, e le varie proposte e suggerimenti
alternativi sono stati uno per uno confrontati con la bozza originale di
proposta di statuto, e si e' praparata la base della bozza versione 2. Non
appena sara' finito il confronto tra gli appunti di tutti, ma ho gia'
visto nei mail arrivatimi solo oggi che il lavoro sembra gia' in buona
parte fatto) sara' fatta circolare per ulteriori commenti la versione 2.

 - la bozza di MoU inviata dal CE alla RA e' stata rivista, ed il testo
nuovo concordato, grazie anche alla mediazione del Min. Comunicazioni, che
fa' anche da garante alla sua applicazione. Il nuovo testo era ovviamente
precedene agli ulteriori suggeirmeni che sono arrivati in seguito in
lista, ma nulla vieta che si possano fare ulteriori integrazioni, purche'
ovviamente siano d'accordo tutti sulle stesse. I principi di base sono
comunque stati accettati e sono il fatto che le regole le fa il CE della
NA, esattamente come ora, e che la RA ha alcuni poteri di operare in
deroga in condizioni particolari e di urgenza, con meccanismi di
protezione reciproca, come l'obbligo del riesame di decisioni o azioni
prese da una delle due parti, entro tempi stretti e prestabiliti. Il MoU
e' in vigore sino a quando non venga a cambiare la situazione generale,
ovverosia siano a quando non si proceda con la riforma generale che si sta
preparando al tavolo dei domini.

 - e' stato dichiarato, sotto la garanzia del Min. Comunicazioni, che il
nuovo contratto va interpretato nell'ottica del MoU che si viene a
firmare. Quindi, se sara' il caso, verra' emessa una "interpretazione
ufficiale" sul singificato della specifica di chi fa le regole: il testo
attuale infatti va inteso che la RA recepisce le regole "fatte
dall'organismo che ha il compito di farle" (la NA, allo stato attuale, e
se in futuro c'e' il cambiamento del soggetto o del nome di chi fa la
regole il testo va bene lo stesso), ed il termina "formula" singifica
(sempre nell'ottica del MoU che fa da corollario) "propone a chi fa le
regole (CE) le sua richieste". Sempre sotto la garanzia del Min.
Comunicazioni, non ci sara' alcun problema di NO-PROVIDER-MNT o di azioni
che possono creare confusione e preoccupazione nell'utenza. Aspettiamo
solo di definire meglio MoU e correlati, e poi probabilmente si [uo'
tranquillamente procedere entro il termin del 15 gennaio 2003 senza
"esercizi provvisori" o situazioni contrattuali di incertezza. Basta
definire i dettagli "scritti".

 - e' stato esaminato in dettaglio che tipo di "coso" sia piu' opportuno
creare, in tutte le possibili varianti: da "Autorita'", a "Agenzia" a
"Fondazione" ad "Associazione", e con l'intervento degli esperti
legislativi si e' concluso che la Fondazione sotto le norme del diritto
provato e' quella piu' flessibile e piu' facile da attuare, specialmente
se deve intervenire un riconoscimento ufficiale dell'opera e delle norme
che questo oggetto "privato" formula per il bene pubblico del paese. Da
qui anche la revisione della bozza di statuto, per accogliere i
suggerimenti venuti sia dalla nostra lista che anche da altre parti.

 - E' stato anche esaminato in dettaglio il periodo di transizione, ed e'
stato convenuto che sia la NA ad essere il soggetto potenzialmente
migliore per raccogliere in se la rappresentanza della LIC, visto anche
che sulla nostra lista spesso discutiamo di argomenti che interessano la
LIC, e non solo il ristretto mondo dei nomi a dominio. Su questo punto,
che ad esempio ha portato durante la riunione del 20 alla frase (non
ricordo esattamente chi la ha detta, ma e' significativa) "potrebbe non
essere una cattiva idea cambiare nome alla NA, visto che il nome a volta
le sembra un po' stretto: perche' non pesarci su e vedere qualcosa che
rappresenti meglio il concetto di comunita' della rete?" ...
Sono anche state pensate le possibili fonti del patrimonio iniziale, e
c'e' accordo su come far partire le cose in modo ragionevolmente
tranquillo (per i dettagli permettetemi di aspettare ch tutti controlliamo
i nostri appunti).

Il solo "neo" di una giornata direi molto positiva e' stato che la
riunione e' iniziata alle 11, ed e' proseguita non-stop sino alle 18.30...
senza pranzo, pause caffe' o altro... vabbe', dieta pre-natalizia.

Bene scusate di nuovo per il ritardo "tecnico", ed a presto per ulteriori
maggiori dettagli.

Claudio Allocchio



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe