prot n 133/spm/02 - 18 Gennaio 2002

Paolo Zangheri paolo.zangheri a ALTAIR.IT
Gio 14 Feb 2002 11:31:42 CET


Dato che il Dott. Stanca (ho letto in lista Onorevole.. ragazzi, non
facciamoci prendere dalla smania di zerbinismo verso il potere, il
nostro Ministro dell'Innovazione non č stato eletto in Parlamento) ha
fatto richiesta di registrare un nome a dominio che per le attuali norme
non č assegnabile, e NON di modificare le regole, chiedo formalmente di
sapere chi ha inviato al CE la proposta formale di cui al punto 1
dell'odg per la prossima riunione.

Chiedo inoltre di sapere a chi era rivolta la bella lettera del Dott.
Stanca, se al Presidente della NA, al Presidente della RA o ad uno dei
due enti. Io, per esempio, quando chiedo la registrazione di un dominio
mi rivolgo alla Registration Authority, come da prassi e regole.

Infine mi piacerebbe conoscere il parere della RA sia in merito alla
modifica delle regole, sia limitatamente al nome gov.it sia alla
creazione di una struttura basata sui SLD e in particolare com.it.

Inoltre dato che mi pare sia in ipotesi la creazione di un SLD gov.it
sotto il quale il Governo potrebbe gestire l'intero spazio dei nomi di
sua competenza, e quindi in pratica creare un registro autonomo, mi pare
si possa studiare la possibilitā di attribuire l'eventuale gestione dei
registri degli altri SLD ad entitā terze rispetto all'attuale RA.

Come vedete il problema non č solo di opportunitā "politica", ma impatta
in modo sostanziale l'impianto delle regole e quindi la nostra attivitā
(e ragion d'essere).

Paolo Zangheri



Claudio Allocchio wrote:

> "Caro Professore,
>
> come le sara' noto il governo ed il mio ufficio in particolare sta
> cercando di imprimere un'accelerazione forte all'informatizzazione del paese.
>
> Uno dei principali strumenti e' l'uso della rete internet come veicolo
> non solo d'informazione, bensi' anche di servizi ai cittadini.
>
> Per raggiungere tali obiettivi, presupposto fondamentale e' che i siti
> goveranativi abbiano ina forte caratterizzazione istituzionale di cui
> ovviamente l'indirizzo web e' componente essenziale.
>
> E' fondamentale infatti che il governo sia facilmente riconoscibile con
> nomi a dominio di semplice memorizzazione in modo che l'utente abbia
> un'intuitiva individuazione dell'amministrazione dello Stato.
>
> Analogamente ad altro governi europei, vorremmo attivare il dominio di
> secondo livello gov.it non solo per facilitare la ricerca dei cittadini,
> che spesso sono confusi dai diversi acronimi delle amministrazioni
> centrali dello stato, ma anche per rassicurarli sulla sicurezza e
> sull'affidabilita' delle informazioni rappresentate sui siti.
>
> La prego, pertanto di voler registrare il nome a dominio gov.it, come da
> documentazione allegata (ndr. vi e' la LAR) secondo le norme di codesta
> Registration Authority (ndr. qualche confusione tra RA e NA la hanno
> ancora!) e di tenermi informato di eventuali problemi che dovessero insorgere
>  durante l'iter procedurale della richiesta.
>
> Colgo l'occasione per inviarle i miei piu' cordiali saluti
>
> Lucio Stanca"
>
>
>
>



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe