dopo la lettera del ministro...

Maurizio Codogno puntomaupunto a TIN.IT
Gio 14 Feb 2002 12:18:14 CET


> Da: chiari mario <chiari.hm a flashnet.it>

> questa volta non ti seguo

sapevo :-)

> la Presidenza del Consiglio non è un sempice rappresentante della PA!

Il mio punto di partenza, da cui discende tutto il mio
ragionamento, e` che per me "gov" > "governo", nel senso
che e` un soprainsieme stretto.
Puo` darsi che per altri questa differenza non ci sia, al
che e` inutile continuare a leggere il mio ragionamento.
Quello che volevo dire e` che il fatto che sia un rappresentante
"del governo" a ghiedere .gov.it (alla RA, nel caso qualcuno
si fosse chiesto a chi fosse stata spedita la lettera.
Probabilmente a Denoth in persona, leggendo tra le righe i
vari messaggi) puo` ingenerare confusioni dal mio punto di
vista, data la premessa di cui sopra.

(e comunque la richiesta non e` della Presidenza del Consiglio,
ma dal Ministero dell'Innovazione Tecnologica :-) )


> >tanto vale rivedere tutti i nomi riservati.
>
> perchè? ognuno può essere stato riservato per motivi diversi.

Non ho scritto "eliminare", infatti. Ammetterai pero` che
decidere sulla registrabilita` di .gov.it implica un
cambiamento della filosofia delle regole, che non e` una
cosa necessariamente cattiva.

> Se
> >invece diciamo ".gov.it e` utilizzabile solamente per
> >dominii relativi [...]

> Non capisco quale sia la differenza, ovvero la tua preoccupazione.

Dal mio punto di vista e` la differenza tra lo stabilire
a cosa serva .gov, e quindi darlo ai legittimi utilizzatori,
e il consegnarlo senza condizioni. Se preferisci vederlo in
altro modo, la ragione di esistere della NA.
Di nuovo, altri possono vedere la cosa in maniera differente.

cioa, .mau.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe