Contestazione nome a dominio

Gian Carlo Ariosto ariosto a WINCOM.IT
Mar 26 Feb 2002 00:02:13 CET


At 23.12 25/02/02 +0100, Griffini Giorgio wrote:
>Aggiungo qualche commento (a puro e consueto titolo personale) :
>
>
>Non avendo facile accesso ai dati camerali non ho potuto verificare
>personalmente come ha fatto G.C. Ariosto lo 'status' della ditta in
>questione.

Non Ŕ difficile... http://www.cerved.it/xportal/home.jsp (finestra "CERVED
free" a destra)

>Detto questo pero' - pur non essendo un avvocato - se non rammento male le
>ditte individuali in tutti gli atti fiscali, amministrativi etc va
>specificata, ai fini
>dell'individuazione corredata del nome del titolare. In pratica Bisogna
>indicare
>'Ditta ACME di Tizio Caio e Sempronio' e che tale indicazione per esteso e'
>necessaria per rendere piu' evidente l'individuazione della ditta effetttiva
>(l'esempio classico e' quello di 'BAR SPORT')e la cosa mi sembra
>sicuramente un punto a favore rispetto alla pretesa di 'esclusiva' sulla base
>della quale credo tale ditta voglia rivendicare l'uso del nome a dominio.

Certo: le ditte individuali e le societÓ di persone devono sempre scrivere
nei documenti fiscali "Nomeditta di Tizio (& Caio snc)", ma credo che
abbiano tutto il diritto a registrare nomeditta.it, SE LIBERO. Se il nome a
dominio Ŕ giÓ occupato da un'altra ditta che ha quello stesso nome, penso
che sia molto difficile che il registrante non possa dimostrare la sua
buona fede...

>Probabilmente la ditta (o i rappresentanti legali) che le ha mandato la
>missiva
>non e' al corrente della esistenza della procedura oppure 'ci prova' visto
>che
>non essendoci (almeno a quanto sembra essere la situazione) i presupposti
>della malafede valendo la regola del primo arrivato non avrebbe possibilita'.
>In concreto, aldila' dell'enfasi del primo impatto che gli avvocati sono
>abituati
>ad amplificare,  le rispettive posizioni potrebbero rivelarsi piu'
>concilianti di
>quanto possano apparire in prima istanza proprio perche' sembrerebbe non si
>tratti di un caso in malafede.

Infatti...

>Come dicevo non ci sono modi 'certi' ed assoluti per  garantirsi dal fatto
>che
>in un qualunque momento successivo qualcuno possa rivendicare un
>maggior diritto ad un certo nome.

Negli Stati Uniti dicono che ci sono solo due cose certe: la morte e le
tasse. Da noi, di certa c'Ŕ solo la morte, visto che le tasse di certo non
le pagano tutti come dovrebbero... :-)

Cordiali saluti.
Gian Carlo Ariosto

  /*\  .. . . . . . . . . . . . .
  \ / . ASCII Ribbon Campaign .
   X .- NO HTML/RTF in e-mail .
  / \ .- NO Word docs in e-mail.
/   \ .. . . . . . . . . . . . .



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe