Sito e caselle di posta elettronica

P-ETTORE PANELLA (Starnet) box a STARNET.IT
Mar 29 Gen 2002 21:09:39 CET


Partendo dal principio che non possiamo noi risolvere i problemi della
giustizia in italia e considerando giustamente che e' piu' importante
preoccuparsi di qualcuno che si fa alcuni anni di galera prima di ricevere
un processo piuttosto che di un utente che riceve un piccolo danno economico

io trovo comunque giusta l'osservazione di chi pensa di tutelare anche gli
utenti oltre che (come e' giusto) i provider. Personalmente come provider
ho tutto l'interesse ad operare con competitori seri piuttosto che
improvvisati (nel migliore dei casi) per cui chi riuscisse a proporre una
soluzione valida e non penalizzante per nessuno sara' sicuramente
applaudito da me.

Ovviamente io non so quale sia l'origine del disservizio lamentato per cui
non voglio
giudicare il collega (ammesso che sia un provider) che potrebbe aver subito
una delle tantissime angherie che la mia categoria riceve continuamente.
Chi fa il  provider ha subito almeno una volta nella sua vita un
disservizio sulla propria linea dedicata il venerdi' sera e risolto
miracolosamente il lunedi' mattina seguente solo per fare un banale esempio.




> At 19.18 29/01/2002 Tuesday +0100, you wrote:
>>On Jan 29, Gian Carlo Ariosto <ariosto a wincom.it> wrote:
>>
>>  >Normalmente, avrei lasciato al Presidente la risposta, ma questa
>>  >richiesta solleva un problema più generale, cioè il "rovescio della
>>  >medaglia" del quesito sollevato alcuni giorni fa da Raimondo
>>  >Bruschi: chi tutela l'utente (pagante) dall'inadempienza del
>>  >provider/maintainer?
>>Cosa c'è che non va nei tribunali?
>
> Grazie Mario per lo spunto:
>
> Il problema da me sollevato infatti sottointende vari problemi legali /
> civilistici dall'una e dall'altra parte (fornitore/cliente), l'adozione
> di regole NA per RA ne ha marginale fatto (anche se importante
> contributo procedurale)
>
> Sicuramente le risposte ricevute palesemente sottovalutano questi
> aspetti che sono di difficile gestione in sede giudiziaria.
>
> Non e' compito dell'NA, non e' l'ammontare del credito, ma un confronto
> che suggerisse ai singoli convolti la determinazione di una procedura
> di riferimento da adottare a tutela di ogni controparte il termine di
> confronto che auspicavo.
>
> Ho dedotto , con una punta di dispiacere, che non sia la sede adatta.
>



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe