Innovazione

Marco d'Itri md a LINUX.IT
Mer 10 Lug 2002 04:02:39 CEST


On Jul 09, Giorgio Lacourt <glacourt a sinet.it> wrote:

 >Il discorso non regge: io non me li vedo questi "professionisti" del
 >crimine che spammano il mondo con un accesso a libero o tiscali e poi da
Eppure è così, sia in Italia che negli USA, se non ne hai mai sentito
nemmeno parlare è chiaro che conosci molto poco la situazione.
A titolo di esempio, uno dei miei spammer preferiti ha già cambiato
circa 20 numeri di cellulare per aggirare le blacklist sul CLI.

 >Una volta gli spammer seri craccavano un server e poi spammavano da li'.
Non ho mai sentito di nessuno spammer che si comportasse in questo modo,
puoi documentare questa affermazione?

 >Il soggetto era Interbusiness e le sue politiche commerciali, non gli
 >Isp. E non c'e' nulla di strano se una Istituzione commenta sulle
 >attivita' di un'azienda cui altre Istituzioni hanno concesso dei
 >monopoli.
È strano e inaccettabile se commenta su cose al di fuori della propria
competenza. Personalmente lo vedrei come un tentativo di usare la NA per
contrastare un concorrente, mentre invece da questo punto di vista
*deve* essere neutrale.

 >Il fatto che continui a parlare di questi professionisti che non so
 >ancora chi siano, cosa vogliano e come si sostengano. Qualche anno fa
 >avrei pensato al KGB.
Allora fai un giro su http://www.spamhaus.org/rokso/index.lasso e fatti
una cultura.

--
ciao,
Marco



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe