richiesta consenso

Mnt-Italynet - Raffaele G. Gariboldi (Italynet) staff a ITALYNETWORK.IT
Mer 17 Lug 2002 10:45:34 CEST


> Inoltre: cosa rispondo all'azienda media che vorrebbe usare la rete,
> inviando messaggi di posta, per promuovere i suoi prodotti onestamente in
> una nuova area geografica dove non ha distributori, o non puo' permettersi
> fiere, o ricerche del personale per promo, ecc...dopo che e' stata spolpata
> per la produzione di mega siti flash da xx milioni di lire per 5 visitatori
> mese e i motori di ricerca stanno chiedendogli soldi per registrarli ?

A parte il discorso dei siti web, rispondi semplicemente che non lo può
fare perché è SPAM.

> Vendero' cavaturaccioli porta a porta...per i chilometri che il vecchio
> furgone consente di fare ogni giorno,  sounando senza consenzo e turbando
> la privacy della penichella pomeridiana degli abitanti del paese dove abiti.
>
> Scoprendo poi che Meliconi (se cosi si chiama e mi scuso per la citazione),
> che pero' ha i soldi per farlo, li ha vendi a tutti prima di me, con la
> pubblicita su canale 5 a mezzogiorno per un cavaturaccioli di plastica che
> non si arruginisce tramite i supermercati...
>
> Io piccolo artigiano Lumezzanese che ho investito tutti i miei soldi e la
> mia inventiva per fare lo stampo del cavaturacciolo in plastica antiruggine
> lo prendo in quel posto perche' non posso usare la posta elettronica per
> cercare distributori in europa o italia ?

Tu piccolo artigiano lo prendi in quel posto NON perché non puoi fare SPAM
- anche perché, se fosse lecito, lo farebbe anche la Meliconi con ben più
rilevanti risultati - ma perché questa è l'economia di mercato. Così è,
non è detto che ci piaccia, ma è come funziona.

E poi scusa, usare la PE per cercare distributori non è spam:

"Spettabile XXX, sono YYY della ZZZ e sto cercando distributori nella
Vostra zona per la vendita del prodotto KKK"...

e non

"Spettabile Azienda, sono YYY della ZZZ e vi propongo l'acquisto a
condizioni convenientissime del nostro prodotto KKK"...

Lo stile del primo messaggio, oltre essere molto più corretto, NON
propone vendita e non è assimilabile al termine "bulk".

La mia soluzione rimane sempre la solita: blacklist, se non funzionano
ancora blacklist, ecc. [nota: qualcuno mi spiega dove e/o in base a
quale principio c'è DANNO nel mettere qualcuno in blacklist,da un
punto di vista strettamente giuridico?]

Appunto finale. Mi risulta Tin/Virgilio abbia attivato un filtro per
la posta, informando anche gli utenti. Cosa fanno loro tecnicamente
qualcuno me lo sa dire?

Saluti,

Raffaele Gariboldi



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe