Postmaster e Relay.

MNT-TEV - Enzo Viscuso enzoviscuso a TIN.IT
Lun 22 Lug 2002 15:28:38 CEST


Scusate se torno su due problemi che sono oramai passati in sordina.

(1)
Postmaster.
Io ho risolto cosi' il problema:
l'esempio vale per sendmail, ma penso che si possa applicare a tutti i server di posta.
Per ciascun dominio ho configurato un forwarding da postmaster a dominio.it
all'indirizzo di e-mail della persona citata come postmaster nel modulo
(cioe', nel file "virtusertable", ho inserito per ciascun dominio la riga:
postmaster@<dominio.it>     <e-mail del postmaster>
).

L'ho fatto anche per i .com, etc. cosi' ho standardizzato la procedura.

Cosė' facendo ho risolto parecchi problemi:
 - mi sono adeguato alle eventuali nuove regole
 - sono sicuro che le e-mail per postmaster le riceva sicuramente la persona
  indicata come postmaster nel modulo.
(Gli ISP che danno il servizio di posta sotto il dominio come valore aggiunto,
possono applicare questo trucco senza dirlo al cliente, che altrimenti sfrutterebbe
questo indirizzo "gratuito" per evitare il sovrapprezzo).

(2) Relay.

Generalmente il relay e' permesso a range di indirizzi IP.
Secondo voi e' lecito invece applicarlo all'indirizzo di e-mail del mittente?
Ho visto che nel file "access", quello che controlla il relay (sempre facendo riferimento a sendmail) , e' prevista questa
possibilita'.
Mi direte voi: basta che lo spammer scopra gli indirizzi autorizzati, che li utilizza come mittente per i suoi scopi.
Pero', a questo punto, spedirebbe messaggi le cui risposte arrivano a qualcun'altro,
e commercialmente la cosa non funziona.
Ovviamente non autorizzerei domini completi, ma soltanto singoli indirizzi di e-mail.
Inoltre, se lo spammer vuole, potrebbe anche collegarsi con un indirizzo di IP
valido.

Enzo Viscuso.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe