R: La favola dello scudiero.

Pierfranco Bini bini a FASHIONWEB.NET
Gio 14 Mar 2002 16:02:13 CET


> > A me sembra piuttosto evidente che l'unica attivita' realistica
> per questo
> > CE ormai riguardi l'ordinaria amministrazione (vedi .gov.it) per diversi
> > motivi, il piu' importante dei quali e' il nodo dello statuto: che senso
> > potrebbe mai avere approvare disposizioni anti-spam, per
> esempio, quando da
> > qui a un mese l'intero assetto della gestione .it potrebbe
> essere stravolto?
>
> Questo mi ricorda una favoletta che c'era sul mio libro di seconda
> elementare.
[zip]
>
> Tutti noi prima o poi dovremo morire, ma non  una buona ragione per
> sdraiarci per terra inerti ad aspettare la morte.
>
> Le persone che ci hanno eletto suppongono che non intendessero questo.
> Tanto per rimanere sul tuo esempio, lo spam, mi sembra che sia un
> problema piuttosto sentito ed indipendente dalla vita o dalla morte
> della NA. Su quello si sarebbe potuto parlare. no?
>
Tralascio i commenti sulla metafora da seconda elementare e vado al
nocciolo: nessuno, proprio nessuno ha mai proibito, limitato, ne' ignorato
il dibattito sullo spamming.

Ma una cosa e' discutere, altra cosa accusare di inerzia chi non e'
d'accordo con le proprie posizioni.

Mi risulta che si discuta di spamming internazionalmente da anni senza che
nessuno abbia trovato soluzioni particolarmente rivoluzionarie oltre alle
blacklist.

Non ho visto una pletora di proposte in lista, tantomeno alcuna richiesta
ufficiale al CE oltre al documento FNP, non accettato dal CE.

Quindi ben venga il dibattito sullo spamming e ben vengano proposte da
discutere: il mio personalissimo consiglio (e sara' lo stesso anche quando
non saro' piu' il direttore del CE) e' quello di concentrarci sulla
disponibilita' di strumenti operativi concreti, che consentano di prendere
decisioni anche del tipo di quelle contenute nella proposta FNP con delle
solide basi giuridiche, che io non sono certo in  grado di soppesare, ma su
cui al momento non c'e' certo uniformita' di vedute.

Lasciarsi morire, caro Enzo, ancorche' sia una tentazione forte vedendo
certi polveroni creati per il gusto di farlo, significa essere passivi:
cercare di costruire una casa con le fondamenta di cemento armato comporta
necessariamente che tutti gli arredatori aspettino che il cemento sia
indurito, altrimenti si fa tanto lavoro per nulla, e questo non vuol dire
essere passivi.

Ma e' evidente che non siamo d'accordo su questo proprio in linea di
principio, quindi il dibattito si sterilizzera' velocemente... comunque
sempre meglio che il silenzio


Ciao!

Pierfranco Bini



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe