'Piccole modifiche' alla proposta antispam FNP

Vincenzo Belloli vicky a BELLOLI.IT
Dom 17 Mar 2002 01:03:15 CET


----- Original Message -----
From: "Ettore Panella" <box a starnet.it>
To: <ITA-PE a NIC.IT>
Sent: Saturday, March 16, 2002 8:27 PM
Subject: Re: 'Piccole modifiche' alla proposta antispam FNP

[...]

> > Sono contrario a queste 2 ipotesi ed alle relative soluzioni che sotto
> > descrivi. Anche per le aziende il primo messaggio e' spam. Ed e' spam
> > ne' piu' ne' meno se l'iniziatava e' sociale, culturale o politica.
> > Sono contrario a 2 pesi e 2 misure.
>
> e' la stessa differenza che passa tra numero di telefono casalingo
> che posso evitare di pubblicizzare ed il numero di telefono
> della mia azienda che ho interesse a rendere pubblico ed a ricevere ogni
> genere di telefonate e che per me e' un vitale mezzo di contatto con
No, non so te, ma io quando sto lavorando non ho alcun interesse a ricevere
ogni genere di telefonate. E se per il mio lavoro ho bisogno di qualcosa,
stai pur certo che sono io che mi procuro quello che mi serve, e non aspetto
che qualcuno venga a dirmi che io ho bisogno di lui.

> il mondo esterno. Inoltre alle aziende importa poco scaricare una decina
di
> kb in piu' mentre al privato la cosa puo' pesare.

Il problema non sarebbe scaricare 10 k in piu' od in meno, SE pero' questi
10 k si infilassero tutti direttamente in /dev/null (o cestino per gli
amici).
Se pero' quei 10 k di str.....e qualcuno li deve leggere, potrebbe
impiegarci anche 10 minuti o di piu', e tra l'altro potrebbe anche con avere
voglia di farlo, ma sarebbe comunque obbligato a farlo.

> i due pesi e le due misure le fa gia' la legge sul recesso, se firmi come
> privato entro certi limiti puoi disdire entro 8 gg mentre come azienda no.

E cosa c'entra ? Ce ne sono di cose sbagliate in giro...
>
> Alle aziende le norme antispam che volete proporre danno piu' fastidio che
> utilita', a questo punto la domanda e' le aziende sono interessate a
queste
> norme come filtro tra i rapporti azienda-azienda o la NA vuole difendere
> chi non vuole essere difeso?

Dipende dalla aziende ovviamente. Certamente a quelle che fanno spam certe
regole troppo restrittive non vanno bene...
> Attendiamo una richiesta esplicita della categoria (che non verra' mai
> specie dopo aver letto le norme da approvare) e poi decidiamo.
>
>
> > E poi chi l'ha detto che una email relativa ad una iniziativa politica
> > deve essere tutelata
>
> per il semplice motivo che per esistere la democrazia ha bisogno di una
> conditio sine qua non, ovvero che le informazioni e soprattutto le
opinioni
> circolino il piu' rapidamente e capillarmente possibile per permettere ad
> ogni cittadino di farsi una opinione confrontando quante piu' voci
> possibili. Per questo motivo chi ha fatto la costituzione ha ritenuto la
> liberta' di stampa una cosa vitale e ha cercato di tutelarla. E' per lo

Si, pero' non obbligavano a leggere i giornali. Se pero' qualcuno mi manda
una email, io la devo leggere, od anche solo cancellarla, e la cosa mi costa
fatica.
> stesso motivo che alcuni non vogliono il monopolio dell'informazione.
> Qualsiasi blocco alle informazioni crea di fatto lo spostamento da un
> sistema democratico verso un altro sistema altrettanto dignitoso ed
> importante(molti pensatori del passato lo hanno considerato il vero
sistema
> di governo per eccellenza) chiamato oligarchia ovvero il governo dei
pochi,
> i saggi che dispongono dell'informazione.

Ripeto. Non puoi obbligare nessuno a leggere delle cose che non vuole
leggere.

> Ovviamente e' solo una questione di scelte, ogni sistema politico ha i
suoi
> pregi ed i suoi difetti e va accettato per quello che e'. Poiche' io
> ritengo la democrazia il mio sistema di governo di riferimento ne accetto
> anche i limiti ovvero la necessita' di nessun blocco al fluire delle
> opinioni, ovviamente chi ritiene altri sistemi di governo migliori ha
tutto
> il mio rispetto, non sono daccordo ma anche questo e' democrazia.
>

Si, ma guarda che le tue opinioni sei liberissimo di esprimerle in una
qualsiasi "piazza virtuale", alias mailing list o newsgroup.
Creati delle news o delle mailing list che parlano degli argomenti che piu'
ti interessano. Oppure un sito web. Chi sara' interessato, si iscrivera'
alle mailing list o leggera' il newsgroup, e se vorra' potra' anche
controbattere, tra l'altro (!), cosa che invece non succede con lo spamming,
visto che in questo caso solitamente non puoi rispondere per email a chi ti
ha scritto per email !!!

E questa prassi sarebbe l'equivalente comportamento di un democratico
cittadino inglese (esempio che hai fatto in un'altra email) che va in un
parco a sentire il suo bel comizio quotidiano. Il cittadino va li' e sa che
e' probabile che ci sia un comizio. Pero' decide di andare e ci va. Vorrei
vederlo io il democratico cittadino che cosa farebbe se il gentile oratore
decidesse che quel giorno li' il comizio lo fara' personalizzato per il
cittadino stesso, e direttamente a casa sua con il megafono ! A calci lo
vedresti correre via il gentile oratore.

Purtroppo invece non si puo' prendere a calci chi manda email non
desiderate.

>
> di piu' di una che pubblicizza hardware a prezzi
> > stracciati ? Se si vuole distinguere, a qualcuno potrebbe interessare
> > piu' la seconda che la prima.
>
> se risparmi due lire puoi avere un vantaggio ma se lo stato non va in
> bancarotta grazie a delle scelte politiche oculate forse il tuo vantaggio
> e' superiore, anche perche' in democrazia anche tu hai il DOVERE di essere

E se invece va in bancarotta proprio perche' ho ascoltato un consiglio
politico di uno spammatore, come la mettiamo in questo caso ?
Mi sembra di capire che tu supponi, per qualche motivo, che i consigli che
potrebbero arrivarmi da questo tipo di spamming sono solamente positivi...

> assolutamente preparato ed esprimere un voto consapevole (qualsiasi esso
> sia) perche' le conseguenze del tuo voto saranno pagate o godute da tutta
> la collettivita'.
>
> ogni mezzo ha vantaggi e svantaggi, limitare gli eccessi e' un conto,
> impedire di godere dei vantaggi del mezzo un'altro. L'introduzione delle
> automobili ha reso gli spostamenti piu' rapidi e comodi ma ha creato le
> vittime degli incidenti automobilistici. Nonostante tutto sono in pochi
> quelli che chiedono di abolire le auto private ed usare solo gli autobus.
>
Si, ma anche in questo caso quando ti fermi al semaforo, anche tutti questi
automobilisti preferirebbero non dovere dire 10 no al giorno ai marocchini
che vogliono lavarti i vetri. E cio' vale anche per quelli che guidano una
auto aziendale e stanno andando da un cliente ! Questi marocchini fanno
spamming :-)))


> L'email e' un nuovo sistema molto efficace per creare aggregazione,
volerlo
> bloccare mi sembra una cosa inopportuna, ovviamente io qui faccio una pura
> battaglia di principio, visto che bastera' poi utilizzare un qualsiasi
> provider del terzo mondo per fare spam di ogni genere con buona pace
> delle regole di ogni genere che potremo fare, a parte il fatto che non
> credo che l'omino della NA e il presidente siano in grado di reggere il
> compito che gli volete scaricare sul groppone.
>

Guarda che qui nessuno vuole bloccare l'email. Se tu vorrai scrivermi per
chiedermi qualcosa di specifico che ti puo' servire, sono ben contento di
risponderti. Ma se tu fai una domanda generica a 100 o 1000 persone, allora
la cosa mi piace meno, perche' so che a te della mia risposta non importa
nulla (ed infatti gli spammatori quasi sempre non cercano risposte)

Sappiamo infine tutti che qualsiasi regola noi possiamo fare potra' essere
in qualche modo aggirata e/o non rispettata. Pero' almeno abbiamo fatto una
regola mediamente valida. Se invece non la si fara' mai, allora amen, si
andra' avanti come sempre.


Ciao a tutti.
Vincenzo Belloli.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe