Le norme placebo.

Griffini Giorgio grunz a TIN.IT
Dom 17 Mar 2002 21:42:52 CET


Rispondo a G.C.Ariosto

> At 02.00 17/03/02 +0100, Griffini Giorgio wrote:
> >Gli unici motivi e presupposti in base ai quali ci si puo' permettere
> >l'ardire di
> >limitare o sbarrare preventivamente una comunicazione tra soggetti e' in
> >funzione di una specifica legge dello stato, nel caso in cui chi riceve la
> >comunicazione si ritiene molestato dal soggetto che la invia e buon ultimo  -
> >e solo marginalmente - nel momento in cui si abusa di uno strumento
> >tecnico e quando questo abuso compromette la funzionalita' dello strumento
> >tecnico stesso a discapito di altri.
>
> Per quanto riguarda i "consumatori" e le e-mail commerciali non autorizzate
> a loro dirette, la legge esiste giÓ: Ŕ il Decreto Legislativo 22 maggio
> 1999, n. 185.
>
> http://www.parlamento.it/parlam/leggi/deleghe/99185dl.htm
> ...
>..[omissis]....

Per la verita' e' in un altro passaggio del messaggio che mi riferivo proprio al
decreto suoi contratti a distanza mentre nel passaggio riportato mi riferivo ad
una eventuale disposizione di legge che prescrivesse di sbarrare messaggi
con criteri ben specificati..
Ad ogni modo vorrei far notare che nel DL 185 basterebbe aggiungere le due
paroline "'e non" alla definizione di "fornitore" per rendere effettivamente
'sanzionabile' lo spam commerciale con una copertura pressoche' completa.
E sarebbe sicuramente qualche decina di ordini di grandezza piu' efficace
che 'minacciare di togliere un dominio .it al malfattore (che puo' essere
anche un privato che vuole vendere la sua moto e inonda l'italia con zillioni di
email) o al suo ISP.
Se c'e' una azione che la NA si puo' sentire in dovere di  fare (ma solo
indossando il suo consunto e vetusto cappelino da ITA-PE) e' proprio quella
di esprimere nelle sedi opportune la necessita' di estendere l'applicabilita' del
DL 185 e magari agire da facilitatore predisponendo i modelli e i contatti per
inoltrare le relative denunce.
Aldila' che questa cosa non ha nulla a che fare con la mission 'ufficiale' della
NA (vedasi statuto,come al solito) renderebbe lo spam elettronico
sufficientemente 'costoso'  per renderlo meno appetibile rispetto allo spam
'tradizionale' (che e' quasi svanito dopo le difficolta' introdotte dalla 675 per
procurarsi indirizzi postali 'targettizati')
Seguono le due paroline magiche da collocare nel DL 185

Da cosi'
> c) fornitore: la persona fisica o giuridica che nei contratti a distanza
> agisce nel quadro della sua attivita' professionale;
> ...
a cosi'...
> c) fornitore: la persona fisica o giuridica che nei contratti a distanza
> agisce nel quadro della sua attivita' professionale E NON;
> ...

E di ogni singolo 'fattaccio'  (per gli accertamenti, sanzioni etc etc.)  si
occuperebbe chi ha esattamente il mandato istituzionale per farlo....

Cordiali saluti
Giorgio Griffini



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe