Associazioni e registrazione di nome a dominio

Emanuele Simonini simoniniemanuele a HOTMAIL.COM
Lun 18 Mar 2002 16:18:07 CET


Mi è capitato di dover contestare un nome a dominio, e sto per far partire
una procedura di riassegnazione.
Diciamo che la mia associazione si chiama AMOPI (Associazione Mangiatori a
Oltranza di Panini Italiani), è regolarmente costituita da anni con tanto
di atto davanti al notaio, etc.
Vado a cercare di registrare il nome a dominio, ma non posso perché
AMOPI.IT (ribadisco, il nome a dominio è inventato) è già stato registrato
da una persona fisica, che non ha intenzione di sottoporsi all'arbitrato,
che non indica il suo nome ma quello del mantainer nella lettera di
assunzione di responsabilità.
Appena gli arriva la lettera dalla RA in cui si notifica l'inizio della
procedura di contestazione, questa persona cerca di fare il trasferimento
del nome a dominio alla AMOPI, Associazione Modenese Oltranzista Poveretti
Italiani (che praticamente non risulta esistente né operante nel contesto
in cui dice di operare), cosa che ovviamente non riesce a fare perché
essendo valore contestato, il nome a dominio può al limite essere
trasferito (a parte esiti successivi di procedure di riassegnazione o
giudiziarie) solo al contestante.
Ora, l'Associazione Modenese Oltranzista Poveretti Italiani dice che il
registrante sarebbe vice presidente dell'associazione e che avrebbe
registrato il domain name in nome e per conto della stessa.

Secondo voi, visto che questa che abbiamo chiamato AMOPI pare essere una
associazione civetta, conviene andare avanti o fermarsi?



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe