mia integrazione proposte antispam

Ettore Panella box a STARNET.IT
Mar 19 Mar 2002 12:33:30 CET


> Il sistema di webmail che usi è buggato e indica il charset sbagliato,
> quindi i tuoi accenti sono incomprensibili.

forse il rpoblema e' che importo in word, scrivo la mail e poi col taglia e
incolla la invio con la web mail.
ora provo con blocco note


>
>  >L’esigenza di moderazione e di mediazione tra le due istanze si
>  >evince facilmente dalla introduzione del concetto di primo messaggio
>  >inviato al solo scopo di stabilire un contatto che le proposte che ho
>  >letto hanno.
> Non vedo nessuna esigenza di mediazione. Provo a spiegartelo di nuovo,
> con parole semplci e brevi: se a te piace ricevere pubblicità da
>sconosciuti *puoi* ricevere di farlo iscrivendoti ai servizi appositi. A
>me *non* piace e non sono disposto a pagare per il privilegio di
>ricevere della pubblicità. Tu hai diritto scegliere di ricevere la posta
>da chiunque vuoi ma non hai il diritto di impormi di fare lo stesso.
>
>  >Una volta stabilito cosa e’ posta normale e cosa puo’ essere definito
>  >spam si impone a chi invia posta ricadente nella seconda categoria di
>  >inviare mail non superiori ad un tot numero di caratteri con un url
>  >per gli approfondimenti ed anche per ulteriori verifiche ma
>  >soprattutto si impone l’apposizione della scritta ADV (o spam o
>  >avviso commerciale o …) come inizio dell’oggetto .
> Per come funziona il protocollo SMTP questo non è accettabile perché
> permette di rifiutare lo spam solo dopo che è stato ricevuto.
>
>  >1) e’ un metodo semplice e tutela tutti
> Questo è falso, ho appena mostrato che mi obbliga a pagare per ricevere
> dello spam. Io non accetto di farlo.

voglio affrontare il problema da questo punto di vista, il mitico costo
dello spam.

se si parla di costi immediatamente bisogna affrontare il problema da una
ottica economica e non astratta, altrimenti si parla di altro.

supponiamo imposto l'obbligo dei 200 caratteri (per esempio) e la scritta
ADV come da mia proposta, allora
o l'utente ha una flat e il problema costo non esiste (anche perche' il
filtro non gli impone di leggere l'email visto che questa va
direttamente nel cestino) Oppure l'utente non ha una flat.
Calcolo da fare; per scaricare una mail inferiore ad un k quanto tempo ci
vuole?
utilizzando le tariffe telecom piu' alte (ed escludendo lo scatto alla
risposta che verrebbe pagato comunque visto che uno si collega per
scaricare la posta non sapendo cosa trovera')
in fascia serale dovremmo stare intorno alle 1300 lire all'ora ed in fascia
alta dovremmo stare intorno alle 3500 lire orarie.
Non ho sottomano un elenco telefonico quindi non posso essere preciso.
nel caso di pagamento a traffico allora l'utente paghera' nel caso peggiore
100 lire ogni 1000 messaggi non richiesti ricevuti.
Facendo esattamente i calcoli come spero qualche istituto accademico serio
e di rinomata fama vorra' fare
si vedra' che al massimo si stara' in una cifra inferiore alle 5000 lire,
ovviamente ho escluso i virus che non sono spam ma un altro problema
(Attendo comunque studi puntuali e di certificata serieta' per essere piu'
preciso ma stiamo li')

Vediamo invece il costo di norme antispam di tipo ideologico/integralista

Il costo al cliente e' una somma di tutti i costi sostenuti dal suo
fornitore piu' l'utile aziendale.
L'introduzione di costi al provider sotto forma di burocrazia o studio
delle email ricevute dai clienti (orrore ma ho letto anche questo)
per stabilire cosa e' spam e cosa no e qualsiasi altra bizzarria si
trasforma automaticamente in un costo che ricade su tutti gli utenti
direttamente sottoforma di onere economico o indirettamente sottoforma di
degado del servizio offerto.

norme poco semplici ed automatiche che riguardano il contenuto del testo o
altri particolari bizzarri
aumentano all'inverosimile la discrezionalita' del giudizio e quindi
aumentano le possibilita' di ricorso e quindi di gestione degli stessi
e quindi di strutture che su una mail staranno piu' 5 gg ad esempio nei
casi limite per esprimere un giudizio, che dovra' essere argomentato ed
esauriente (cosa diversa e' dire c'e' la scritta ADV non c'e' la scritta
ADV).
A ben guardare pur non potendo dare una stima (cosa che potra' fare solo un
ente certificato di comprovata serieta') ritengo a naso che per risparmiare
5000 lire se ne spenderanno molte di piu'
Per questo motivo ritengo piu' utile chiedere agli olo di regalare a tutti
5000 lire di traffico (cosi' ne usufruisco anche io) e credo che saranno
ben contenti di farlo.


saluti ed alla prossima.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe