mia integrazione proposte antispam

Ettore Panella box a STARNET.IT
Mer 20 Mar 2002 14:44:08 CET


>
> ZIP ZIP
>
>
>>Comunque giusto per amore di polemica
>>rispondo alla tua osservazione
>>
>>chi mi ferma per strada per chiedermi una informazione mi fa perdere
>>tempo (e il tempo e denaro) pero' cerco di aiutare.
>
>sì, ma è un scelta personale: non posso essere obbligato ad ascoltarlo
>(se vado di fretta o se sono, semplicemente, maleducato)

comunque perdi tempo nel rallentare e dire no o a dargli una manata per
togliertelo davanti

>>Il vu cumpra' che mi chiede se voglio comprare mi fa perdere del tempo
>>ma non per questo lo voglio uccidere
>
> nessuno lo vuole ucciderlo: ma se è un suo diritto non essere ucciso il
> mio è che non mi rompa le palle, se non voglio farmele rompere; siccome
> è lui che importuna me il mio, lecito, diritto scatta per primo

certo pero' perdi del tempo che non avresti perso altrimenti, sprechi delle
calorie (che ti sono costate) per dirgli di no o scacciarlo

>
>>le ragazze con cui da scapolo ho cercato di attaccare bottone (con
>>scarsa fortuna )hanno perso del tempo per dirmi gentilmente che non era
>>cosa, mica mi hanno mandato a ...
>
> anche qui, scelta personale: nessuno vietava loro di dirti 'a Panne', e
> smamma...' visto che eri tu, in ogni caso, ad importunare loro (vedi
> risposta precedente)

comunque perdono del tempo e delle calorie (forse la cosa non dispiaceva ma
il cibo costa) per dirmi qualsiasi cosa

>
> In tutte le tue - molte e varie - argomentazioni fornite hai,
> fondamentalmente, sostenuto sempre lo stesso principio *relativistico*:
> ma che volete che sia qualche mail...
> certamente quasi tutti sono indifferenti alla cosa...
> il costo è di poche migliaia di lire..
> ecc.
>
> Insomma: crediamo di aver capito in sovrabbondanza il tuo pensiero. La
> cosa strana è che sembra tu non capisca le tesi espresse dai molti
> cotraddittori: che il principio da applicare - pur con cautele e senza
> una rigidità assoluta - è che le mail non sollecitate sono:
> 1. contrarie all'economia della rete perchè utilizzano risorse del
> ricevente senza la sua volontà
> 2. non importa per quale fine siano spedite e non importa che cosa sia
> contenuto nelle mail
> 3. è un criterio ragionevole (stavo per scrivere *giusto*, ma non
> vorrei parere il depositario della verita'....) tutelare di più chi è
> non desidera ricevere le mail rispetto a chi, avendo comunque i mezzi
> per farlo, potrebbe anche essere interessato a riceverlo.

Vorrei pero' chiarire una cosa.
come provider sono interessato a bloccare lo spam di chi contatta i miei
clienti con proposte concorrenti, sono interessato ad evitare che posta
indesiderata o inutile passi dai miei server sia in entrata che in uscita
visto che la banda la pago.
Ed infatti ho presentato una mia proposta per affrontare il problema
relativo allo spam it (unico su cui possiamo dire qualcosa) con un nome e
cognome, tutto il resto o rientra nel reato (uso abusivo dei server) o
fuori giurisdizione, mica ho detto lasciamo  le cose come stanno.

La mia domanda e'
vi siete posti la domanda perche' allo spam non e' stata data una risposta
legislativa da tempo?

Se siete convinti che una proposta massimalista trovera' tutti i parlamenti
ed i registri sostenitori entusiasti allora bene tra qualche mese   la
vostra proposta antispam sara' un dato di fatto dappertutto e allora stiamo
discutendo del nulla. Io sono convinto che solo una proposta ragionevole
magari intermedia ci fara' uscire dallo stallo attuale, perche'
l'alternativa ad una norma facile e ragionevole e' il nulla ovvero spam
libero non il divieto assoluto.

Poi permettetemi di dire una cosa
la NA mi sembra il consesso dei saggi sulla torre d'avorio che legifera su
una popolazione che non conosce. Il tasso di conoscenza di internet e'
elevatissimo e l'utilizzo della rete altrettanto presso i membri della NA
ma la maggior parte degli utenti hanno una padronanza del mezzo
estremamente limitata e tremo al solo pensiero di dover spiegare una norma
semplice e basata su criteri assolutamente oggettivi, devi mettere massimo
tot caratteri se hai un dubbio (invece di chiamarmi) metti la scritta adv,
se non vuoi la posta adv io come provider ci metto un filtro .
Credete veramente che un fenomeno come Internet dove continuamente c'e'
gente nuova che entra, di diverse nazionalita' e culture possa essere
gestito con arzigogoli simil legali o interpretazioni personali sul testo o
numero di indirizzi o altro?
Secondo me no, secondo me solo una regola estremamente chiara e facile da
far rispettare (come il numero di caratteri e la scritta ADV) puo' avere
una minima possibilita' di successo (io non sono affatto convinto che una
proposta come la mia avra' vita facile ma sicuramente sara' meglio presa in
considerazione rispetto alle proposte massimaliste che fanno comodo perche'
sono tanto facili da combattere e bloccare lasciando tutto come e'.

comunque in tutti i rapporti interpersonali ed in ogni occasione un minimo
di tolleranza aiuta sempre, se non altro aiuta ad avere un rapporto
costi/benefici piu' basso. Io penso sempre ai periodi bui della storia dove
il voler a tutti i costi sostenere dei principi ritenuti giusti ha creato
societa' invivibili.


> E non mi paiono argomenti secondari.

anche questi non mi paiono argomenti secondari

> Saluti
> Giorgio Just



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe