R: Privacy ed indirizzo IP.

Fantini Perullo Roberto roberto.fantiniperullo a ANSA.IT
Gio 21 Mar 2002 12:46:19 CET


O meglio: questa mail di avvenuta iscrizione alla lista deve essere una mail
di CONFERMA, senza la quale io NON sono iscritto alla lista, cosi' rendiamo
piu' efficace l'opt-in e risparmiamo algi utenti l'insopportabile fastidio
di disiscriversi dalle liste a cui e' stato iscritto "da terzi..!".

Ma succede anche a voi che vi arrivano e-mail spam direttamente
all'indirizzo personale (quello registrato in ITA-PE, dico)? Di quelle che
arrivano alla lista e rilanciate agli utenti "di rimbalzo" gia' lo sappiamo
(!), ma da qualche giorno mi arrivano proprio all'indirizzo di posta (ed
essendo un indirizzo aziendale, oltre alla posta interna aziendale lo uso
soltanto con la NA).

Roberto.


-----Messaggio originale-----
Da: enzoviscuso a tiscali.it [mailto:enzoviscuso a tiscali.it]
Inviato: giovedý 21 marzo 2002 12.28
A: ita-pe a NIC.IT
Oggetto: Privacy ed indirizzo IP.


Mi succede sempre piu' spesso di ricevere mail spammose del tipo:

"Grazie per essersi iscritto alla nostra lista etc.etc."
Ovviamente quasi sempre liste commerciali.

I casi sono due:
  - o qualcuno mi iscrive per scherzo
  - oppure i listaroli hanno trovato il mio indirizzo da qualche parte e
fanno finto opt-in.

Alla mia richiesta di sapere dove hanno trovato il mio indirizzo, spesso non
rispondono neppure, oppure mi dicono "lei si e'
iscritto e stop".
Se poi chiedo i dati di iscrizione (data, ora, IP) si appellano alla
privacy.

Non si puo' aggiungere la seguente regola alla prossima regolamentazione su
Spam, opt-in, opt-out che mi auguro che venga presto
partorita:
"Quando un utente si registra ad una lista, gli viene subito spedita
automaticamente una ricevuta con indicati tutti i dati da lui
riportati sul form di richiesta, ed inoltre data, ora, indirizzo IP e nome
host della connessione; inoltre deve essere possibile
disiscriversi immediatamente, prima di ricevere il primo messaggio (oppure:
occorre una ri-conferma prima di dare inizio alla
sottoscrizione)".
A questo punto: se sono stato davvero io ad iscrivermi, non si ledono i
diritti di privacy di nessuno.
Se invece e' stato uno scherzo, ho subito gli elementi per fare la
segnalazione al garante e/o all'opportuno abuse a .
L'indirizo IP del mittente e' sempre incluso nell'header di una e-mail, e
non e' un dato sensibile.

A proposito di abuse: spesso non rispondono, o a malapena arriva una
risposta automatica.
Un'altra regola dovrebbe essere:
"Tutti i detentori di server smtp hanno l'obbligo di istituire un indirizzo
abuse a xxx.xx dal quale devono rispondere
obbligatoriamente a tutte le segnalazioni in maniera non automatica, anche
se negativamente".

Enzo Viscuso.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe