R: R: Help me!!! disputa:OROBLU.IT

Mario Pisapia mario.pisapia a TIN.IT
Mar 8 Ott 2002 12:43:39 CEST


----- Original Message -----
From: Ettore Panella <box a starnet.it>
To: <mario.pisapia a TIN.IT>
Cc: <ITA-PE a NIC.IT>
Sent: Tuesday, October 08, 2002 10:35 AM
Subject: Re: R: Help me!!! disputa:OROBLU.IT


> ..................il saggio e' indipendente da tutto e da tutti (almeno
cosi' mi
> dicono). Sui giornali normalmente si illustrano i grandi processi ora per
> ora addirittura certe volte con anticipazioni consistenti e li' ci sono
> tanti anni di galera in gioco vogliamo formalizzarci per una piccola
> anticipazione in lista?.
>

Proprio sui giornali è stata più volte criticata la diffusione di notizie
relative a 'grandi processi'. Infatti, il convincimento di un giudice si
deve formare liberamente nel corso del processo, ma il libero convincimento
può essere compromesso o influenzato dall'opinione pubblica con cui un
magistrato inevitabilmente viene in contatto.
Ad ogni modo, nel nostro caso non si è trattato di un'anticipazione, ma di
un'esplicita richiesta di aiuto fatta in una lista in cui tutti i saggi sono
iscritti. E' evidente che, se ognuno di essi avesse espresso la propria
opinione, il giudizio finale sarebbe stato influenzato ...più che un
giudizio sarebbe stato un plebiscito. Per fortuna la controparte non è
caduta in tentazione e si è correttamente astenuta dall'esprimere in
pubblico le proprie ragioni.

>  Se realmente il signor Bernabei aveva bisogno di un supporto
> > professionale, avrebbe potuto contattare privatamente un esperto
> > scegliendo tra i tanti iscritti in lista.
>
> probabilmente non riteneva consona alle sue disponibilita' economiche la
> parcella e quindi si aspettava che la NA avesse dei "difensori d'ufficio"
>

A parte il fatto che, per il momento almeno, non esistono difensori
d'ufficio, insisto che la stessa richiesta poteva e doveva essere fatta in
privato...

>  La difesa è un po' carente
> > perchè fondata esclusivamente su due fatti: 1) il sig. Bernabei
> > "sconosceva" l'esistenza di un marchio OROBLU (eppure si tratta di
> > marchio che gode di discreta notorietà);
> 2) egli è un singolo mosso da
> > scopi di solidarietà contro una multinazionale (che in quanto tale
> > dovrebbe essere castigata?!).
> > Mi chiedo se le carenze della difesa siano dovute alla mancanza di un
> > supporto professionale o alla mancanza di altre argomentazioni
> > favorevoli.
>
> Mah! dopo aver letto la notizia vecchia inviata in lista da Cicalo' vedo
> che detto marchio e' composto da due parole oro e blu entrambe di uso
> comune e quindi un qualche ragionamento alla luce della vecchia
> informazione che Cicalo' ci ha dato puo' essere fatto.

Non è esattamente così che funziona.... comunque ho sbagliato io per primo a
esprimere un parere che, per insufficienza di informazioni, può essere solo
superficiale.  Il giudizio finale spetta solo al saggio incaricato.


>
> tra l'altro mi sembra che il resistente dichiari la sua disponibilita' a
> mettere un link alla multinazionale per rimandare eventuali compratori di
> intimo femminile direttamente alla casa madre e quindi questo farebbe di
> fatto cadere l'accusa di malafede visto che il gesto vanificherebbe ogni
> tentativo di sviare la clientela di oroblu.

Come è noto, il successo di un sito è costituito in parte anche dal numero
di accessi, che potrebbe crescere grazie al richiamo del marchio.........ma
lasciamo al saggio la decisione!

A me premeva solo sottolineare che non è corretto fare pubblicità ad una
controversia oggetto di una PDR, mentre questa deve essere ancora decisa.
Spero che ciò non accada di nuovo.



 Saluti
 Mario Pisapia



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe