OT ma interessante per chi ama il nostro settore

Ettore Panella box a STARNET.IT
Gio 10 Ott 2002 10:07:01 CEST


no e' un costo che ricadrebbe su tutti i supporti a meno di usare i canali
del contrabbando (che potrebbero rifiorire grazie alla cosa), comunque e'
piu' una scelta "politica" l'essere contro al fatto che delle aziende di
musica mettano una tassa anche su cio' che non le riguarda. In realta' la
mia azienda non ricevera' un gran danno se paga qualcosa in piu' per i 10cd
mese usati per i vari backup e i giovani compreranno dai contrabbandieri
pero' mi girano lo stesso :-))
Diciamola con uno slogan abusato, E? una scelta di campo :-)))

> La petizione la dovrebbero firmare le imprese italiane che vendono
> questi prodotti, infatti una simile iniziativa rendera' competitive  le
> aziende dello spazio economico europeo, compreremo i supporti
> dalla Slovenia, i masterizzatori in Polonia etc, etc etc
> Come incentivo alle imprese non e' male, peccato che non siano le
> nostre. EG
>
> At 11:51 +0200 8-10-2002, Ettore Panella wrote:
>>Sta per essere approvato dal consiglio dei ministri un decreto di
>>recepimento di una direttiva europea che, tra le altre cose, dư luogo a
>>un aumento indiscriminato (fino all'8000%) dei tributi dovuti alla SIAE
>>sui supporti analogici e digitali audio, video e dati. Fra poche
>>settimane un CD-R potrebbe costare minimo 1,50 euro, una videocassetta
>>3,5 euro e potrebbe essere inserito un tributo del 3% su tutti gli
>>apparecchi di registrazione, hard disk compresi.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe