Lo strano caso di notartel.it

Gian Carlo Ariosto ariosto a WINCOM.IT
Gio 17 Ott 2002 22:24:20 CEST


Ho scoperto oggi un caso assai curioso: la Rete Unica del Notariato (una
Intranet a livello nazionale, accessibile in dial-up su numerazione ad
addebito ripartito o da speciali linee ADSL, credo fornite da Telecom
Italia, con banda garantita ben più alta del solito) utilizza ovviamente un
indirizzamento IP privato di classe A (10.X.X.X), ma fa anche da gateway
NAT verso Internet, in modo che gli utenti collegati alla RUN possano anche
navigare su Internet.
La stranezza è che per l'host hanno scelto il nome www.notartel.it, ma...
non hanno registrato il nome a dominio, che risulta recentemente registrato
da una persona fisica.
E' vero che trattandosi di una Intranet possono fare come gli pare, ma
essendo la RUN anche un gateway verso Internet in questo modo viene
precluso ai loro utenti l'accesso ad un futuro sito Web su Internet con lo
stesso nome (al momento inattivo), che suppongo vorrà dare informazioni
pertinenti alla loro attività.
Esiste forse qualche regola di naming per le Intranet connesse anche ad
Internet?

Cordiali saluti.
Gian Carlo Ariosto

  /*\  .. . . . . . . . . . . . .
  \ / . ASCII Ribbon Campaign .
   X .- NO HTML/RTF in e-mail .
  / \ .- NO Word docs in e-mail.
/   \ .. . . . . . . . . . . . .



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe