Risposta: Pubblicita' ingannevoli su "Internet".

Alessandro Del Ninno ADelninno a TONUCCI.IT
Mer 23 Ott 2002 18:15:21 CEST


Caro Enzo,

le segnalazioni per pubblicità ingannevole - indipendentemente dal mezzo o media utilizzato e dall'oggetto della campagna ingannevole (dunque domini it inclusi) - vanno indirizzate alla competente Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.

Al link http://www.agcm.it/B2.htm c'è il modulo per le segnalazioni compilabile on-line.

Se invece ravvisi nel messaggio profili di violazione della Proprietà Intellettuale, puoi indirizzare una comunicazione (sempre on-line: http://www.agcom.it/antipirateria/index.htm) all'apposita Unità Antipirateria dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.

Un caro saluto.


Avv. Alessandro del Ninno
Studio Legale Tonucci
Via Principessa Clotilde n. 7
00196 ROMA
Tel +39 06 3622708
Fax +39 06 3622750
e-mail adelninno a tonucci.it
http://www.tonucci.it

Studio Legale Tonucci
Rome - Milan - Prato - Padua - Paris
New York - Tirana - Bucharest
http://www.tonucci.it

>>> <enzoviscuso a tiscali.it> 23/10/02 15.40.30 >>>
So gia' che sono OT.
La domanda generica e' questa:
Se si trovano sulla carta stampate pubblicita' o notizie false e ingannevoli sul
tema "Internet", cosa si puo' fare?
Soprattutto se riguardano dei siti sotto domini .it?
C'e' un garante? e se no, non e' il caso di predisporlo?

La cosa puo' sicuramente considerarsi un "spam" o un pre-spam,
a maggior ragione perche' l'utente ingenuo  ha anche dovuto spendere
soldi per acquistare la rivista.

Eccovi il caso che mi trovo sotto mano; per conto di un mio cliente ho poi fatto la prova.
La rivista si chiama Idea Web (ideaweb a edmaster.it).
Sulla copertina pubblicizza:
"Spese telefoniche. Dacci un taglio! La guida per telefonare con Internet e risparmiare sulla bolletta"

All'interno l'articolo, pieno di inesattezze.
Nell'ambito dell'articolo sono presenti le pubblicita' ingannevoli.
Un sito pubblicizzato e' "freetel.picus.it".
Il titolo e' "Telefonare senza scatti".
DOPO che ci si e' iscritti, dando tanti dati, tra cui il proprio reddito,
codice fiscale, l'eta' di tutti i componenti della famiglia, si scopre
che le telefonate gratis sono solo in alcune ore, che occorre prima acquistare
un credito telefonico, che la connessione ad internet avviene solo con un particolare
dialer scaricato da questo sito.
Ovviamente mi sono fermato qui.
Ammettiamo anche che il dialer ti colleghi ad un numero urbano (in ogni caso, se ho l'ADSL,
il costo in piu' c'e').
Ma se si scopre che il dialer non ti collega ad Internet, ma ad una intranet o a una extranet,
la pubblicita', oltre che ingannevole, e' anche falsa.

Tra l'altro, sfogliando velocemente questa rivista, ho notato tanti articoli
apparentemente dello stesso tono e finalita'.
Questo e' solo l'ultimo caso capitatomi, sulla stampa italiana e su siti italiani,
ma ne ho visti tanti.
Scrivere ad "abuse"? non e' previsto questo caso.
Cosa si puo' fare contro costoro?

Enzo Viscuso.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe