PUNTOIT da Nobu

Graziano Ferri g_ferri a UKF.NET
Gio 24 Ott 2002 22:06:42 CEST


Solo due minuti del vostro tempo, per cortesia.

Il commissario Monti a Bruxelles ha detto qualcosa che in Italia nessuno
dice: la banda larga e' interesse dei monopolisti, in Italia Telecom con la
storia dell'ADSL ha chiuso il mercato ai concorrenti.

Non e' vero che nessuno lo dice, lo dice Soru di Tiscali, un po' Venturi di
Edisontel, ma non lo dicono diffusamente i giornalisti, non lo dice
l'Antitrust e non lo dice l'Autorita' delle Comunicazioni. L'Antitrust si
muovera' quando il fattaccio sara' stato compiuto (e ormai lo e'), in
effetti sanziona ex-post ma l'Autorita'delle comunicazioni, che interviene
ex-ante, come e' possibile che favorisca Telecom in questo modo cosi' palese
e vergognoso ? E allora, Ditelo ! "Non ce ne frega un tubo degli altri,
vogliamo favorire solo Tronchetti, altrimenti come si ripaga i debiti ?"
Fiat 2 la vendetta.

Qui in UK, almeno, l'OFTEL (equivalente dell'Autorita' delle Comunicazioni)
e' una cosa seria, non una barzelletta da teatrino come in Italia.

Ma, la banda larga, a chi interessa davvero ?
a noi tecnofan certamente ma alla generalita' delle persone interessa per
liberare la linea telefonica. (il secondo motivo e' per scambiarsi file
piratati).

Il vero motivo, pero', e' avvinghiare Telecom al cliente.

Con la reverse interconnection era facile: tot paga l'utente, tot va
all'ISP, tot va a Telecom. facile capire se l'ISP riusciva a coprire i costi
o no. con l'ADSL c'e' il network terminator, il last mile, l'overbooking,
l'ATM, il trasporto interurbano, il CDN, il modo di billing ... vai a capire
se l'offerta di Telecom e' parificabile da un operatore senza rimetterci
soldi.

NO

Questa e' la risposta semplice.

Deja vu: quando Telecom e' partita con l'HDSL a consumo non ha mandato
bollette per 2 anni. hanno attratto la quasi totalita' dei clienti, si
pagavano 3 milioni, gli altri ISP sono morti, hanno cambiato mestiere o sono
emigrati. poi sono iniziate ad arrivare le bollette per la parte a consumo.

Attenzione al Wifi amici, per mettere gli hot spot bisogna arrivarci con un
filo, ce ne va uno ogni 2-300 metri. chi ha i fili ogni 2-300 metri ? non e'
un caso che qui l'unico che di fatto mette giu' gli Access Point e' BT, che
ritiene che sia una operazione essenziale per il suo futuro.

Gambardella e' il presidente di Puntoit, una associazione che dice di
rappresentare "gli addetti ai lavori". Gambardella lavora per la Telecom a
Bruxelles nei rapporti istituzionali (in parole povere, fa lobby).

Non esiste una sola iniziativa sostenuta da Puntoit, che sia una, che non
sia nell'interesse di Telecom Italia.

Giocano con le parole per far capire quello che vogliono alle persone. un
esempio: "Soci sostenitori" : in ogni associazione sono quelli che pagano di
piu'. in Puntoit sono quelli che non pagano, quelli che ricevono la mail
(che si siano iscritti o che vi siano stati iscritti da qualcuno).

Cosi' dicono di avere migliaia di "iscritti", ma c'e' chi dice che in
realta' i soci paganti siano una ventina.

Non si sa quanti siano con precisione, infatti benche' lo scopo della
associazione sia quello di favorire la discussione tra i soci con mezzi
elettronici, non esiste una mailing list, non esiste un forum, nulla.

Gli unici a conoscere i soci dell'associazione sono i membri del consiglio
direttivo; il consiglio direttivo viene eletto con mail indicanti la
preferenza inviate al direttivo che fa lo scrutinio e proclama gli eletti.
fare una votazione con uno scrutinio pubblico non si presta a manipolazioni.

Fin qui si potrebbe dire che sia un gruppo di persone che si "autonomina".

Questo gruppo che si "autonomina" decide quali argomenti spingere e quali
iniziative fare.

Gambardella pubblica sul web le sue opinioni (mai in contrasto con Telecom,
mai discusse con i soci "ordinari" e tantomeno con i "sostenitori"), ANSA le
pubblica come lanci di agenzia senza curarne la attendibilita', Gambardella
pubblica il lancio di agenzia ANSA e voila'. la "Notizia" e' fatta.

Una "notizia" ANSA  "a nome dell'associazione" che conta "migliaia di iscrit
ti" e quindi esprime "l'opinione degli addetti ai lavori".

In Italia, questo non e' reato penale ? non c'era una cosa chiamata "falso
ideologico" ? E' responsabile solo Gambardella o riceve istruzioni dal suo
capo in Telecom Italia ?

La magistratura non si interessa ad approfondire un fatto che puo'
coinvolgere il Dottor Tronchetti Provera ?

"Su Internet nessuno sa che sei un cane" era una famosa vignetta in cui c'e'
un cagnolino alla tastiera. Ciascuno puo' pretendere di essere o di
rappresentare chichessia. Almeno finche' non viene sbugiardato.

Adesso il clan si raduna da Nobu a Milano per lo SMAU. guardateli. e' gente
che manipola la stampa e la pubblica opinione, a nostro nome, addetti ai
lavori.

Chiunque puo' verificare direttamente. Si legga lo statuto dell'associazione
(www.puntoit.org), si legga le news (bellina quella in archivio dei 4000
iscritti), veda se esiste un forum, una mailing list o un'altra forma di
dibatitto, veda se esistono delle commissioni di lavoro per discutere temi,
veda le news puntoit e quelle ansa. Almeno fintanto che questa mail non
arrivera' a conoscenza del clan e il loro web non sia "epurato".

Dopo che avete letto e verificato, fate circolare questa mail a colleghi,
fornitori, giornalisti. fatela circolare ai veri "addetti ai lavori" che
siete e che "puntoit" pretende di rappresentare.

Non trascurate questa mail, ci riescono proprio perche' contano sul fatto
che abbiamo altro di piu' importante da fare

Graziano Ferri

P.s. non si parli dei cosiddetti "sondaggi" online che sono dei banali
questionari che al momento in cui sono pubblicati contano gia' dei risultati
che vanno nella direzione voluta da Gambardella, senza alcuna verifica di
unicita' della preferenza (chiunque puo' esprimerla piu' volte), senza
alcuna rappresentativita' di chi lo compila.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe