LAR: proposta Ariosto/Bruschi/Andreatta/Giunchi

Control C master a CHIARI.NET
Lun 28 Ott 2002 22:14:55 CET


Antonio Ruggiero wrote:

> ............................ tra il rischiare un aumento del costo
> del dominio (potrebbe aumentare anche del 50% se si considera il costo
> di una raccomandata)
>

D' accordo: una lettera di posta ordinaria, diciamo prioritara, COSTA un
Euro [francobollo, busta, carta, quota di spese generali, spedizione in
gruppo 3 o come si chiamano quelle cose li' ...]
Ma quanto VALE?
Onestamente non lo so, pensiamoci un poco insieme.
Siamo il cctld.it, io non so nemmeno quanti italiani prendano i gTLD
[qualcuno me lo puo' dire, anche approssimativamente?]; siamo a 730.000.

Ci manca pur sempre qualcosa ai 3 milioni e mezzo di .UK, ai 5 milioni
di .DE.
Va be' il marketing e le strategie a breve, ma basta, e cosa serve? Io
ad esempio sospetto che il radicamento della storia e della cultura di
Internet, della storia e della cultura, soprattutto presso i giovani e
la scuola [e in generale presso la P.A.] sia anche un volano economico,
penso che forse potrebbe valere la pena pensare pure di investirci.
Forse anche qui, perche' non lo so. Cosi' come ho l' impressione che
tutto questo sbattimento per mantenere buone regole sul cctld.it, in
qualche modo, magari sul medio, e' una cosa che VALE

E se anche questo pezzo di carta di cui si parla, un pezzo di
identificazione,  coinvolgimento, ri-conoscimento, responsabilita',
fosse un valore aggiunto; una cosa che che *gira* - e qualifica?

Se RENDESSE, Antonio, oltre a COSTARE?

Come vedi non ti ho *risposto*: 5 punti di domanda, un paio di sospetti,
nessuna certezza; una sensazione di fondo piu' che altro e in fine,
immancabili, tre puntini di sospensione ...
Tocca a te.

Giorgio



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe