R: Disputa nome a dominio

Alessandro Nosenzo nosenzo a IDEA.IT
Lun 2 Set 2002 14:11:17 CEST


Credo che l'osservazione dell'avv. Roversi sia corretta nella
sostanza ma sbagliata nella forma invero un po' troppo rude.
Infatti credo che in lista si dovrebbe parlare di fatti di comune
interesse e non di casi specifici.
Tuttavia cio' premesso personalmente non trovo la domanda presentata
cosi' censurabile se non per il riferimento a fatti specifici. La
domanda e' quindi piuttosto semplice ed interessante: e' la mancata
attivazione di un sito web associato al nome a dominio una prova
sufficiente a rendere vittoriosa una MAP.
La mia personale risposta e' no, ma ci sono stati saggi (ed io non
sono un saggio) che hanno argomentato in modo difforme adducendo come
ulteriore prova a favore del ricorrente la mancata attivazione del
sito web.
Personalmente credo che il sito web sia un semplice accessorio al
nome a dominio che puo' benissimo vivere senza l'odiato sito e non
per questo non essere pienamente utilizzato dall'assegnatario.
Mi piacerebbe che invece di perderci nella valutazione della
rispettiva ignoranza (peraltro abissale la mia) o citando i
personaggi di fantasia inventati dalle religioni, si tornasse OT su
questo quesito.
Grazie a tutti e saluti.

Alessandro Nosenzo

On 2 Sep 2002 at 10:27, Newsletters wrote:
> Chiedo allo scusa se ho rubato tempo con la mia iniziativa "un po
> dilettantesca". E' infatti cosa buona e giusta che la lista serva e
> sia utilizzata solo ed asclusivamente da coloro che come Roversi sono
> delle "Dio in terra" nel settore. E lasciamo tutti gli altri
> nell'ignoranza.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe