Uno squatter che ha guadagnato qualcosa... :-)

Vittorio Bertola vb a BERTOLA.EU.ORG
Sab 30 Ago 2003 11:49:53 CEST


On Fri, 29 Aug 2003 23:16:50 +0200, you wrote:

>>Se uno con il dominio ci lavora (e-commerce) e ci tira fuori dei soldi va
>>bene, ma se lo cede in cambio di soldi non va piu' bene?
>
>se lo cede per pura speculazione no
>se lo trasferisce proporzionalmente agli investimenti fatti si
>indipendentemente dalla cifra che transla.

Chi e come giudica se il costo pagato e' "proporzionale agli
investimenti fatti"?

Oltretutto spesso il dominio viene ceduto insieme all'azienda e fa
parte dei suoi asset. Metti che domani Virgilio (o qualsiasi altro
portale) venga ceduto: sicuramente il dominio virgilio.it fa parte dei
suoi asset, anzi se non potesse essere ceduto insieme all'azienda
dubito molto che la transazione si farebbe; quindi il dominio,
nell'ambito della transazione, "pesa" per un valore ben superiore al
suo costo di registrazione annuo. Eppure, come fai a "scorporare" dal
costo dell'azienda il prezzo che sta venendo corrisposto per il
dominio, o a valutare se e' equo o "proporzionale agli investimenti"?

Mi sembra che ci siano soltanto due criteri che possono essere
applicati nella pratica:
1) i domini non sono trasferibili in nessun caso;
2) i domini sono trasferibili liberamente e a qualsiasi titolo.
Qualsiasi via di mezzo richiederebbe la capacita' di effettuare
controlli ad hoc sulle singole transazioni commerciali che comprendano
un dominio, ed e' evidentemente infattibile (ad esempio, i due
potrebbero benissimo dichiarare che si stanno cedendo il dominio a
titolo gratuito, e poi passarsi 50.000 euro a nostra insaputa). Quindi
si tratta solo di scegliere tra le due.

>Nel momento in qui abbiamo deciso di esser membri di NA contribuendo alla
>stesura e al mantenimento delle norme, abbiamo implicitamente anche assunto
>il dovere di riflettere e confrontarci se siano scritte in modo che non
>possano creare opportunita' di danno a terzo o alla collettivita', che non
>e' ne sbattercene di cio' che la gente fa con i nomi a dominio, ne esserne
>giudici, garanti o vigili. Punto.

Ma se Tizio, dopo averlo registrato in buona fede, vende a Caio un
dominio per denaro, esattamente qual e' il danno a terzi o alla
collettivita'?
--
vb.                  [Vittorio Bertola - vb [at] bertola.eu.org]<---
-------------------> http://bertola.eu.org/ <-----------------------



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe