Servo del Padrone [era: Re: tentativo di riassunto proposte]

chiari mario chiari.hm a FLASHNET.IT
Ven 5 Dic 2003 11:34:55 CET


Giorgio,

come vedi non sono perfetto. Non mantengo la promessa e riapro. :-)

Ma il punto è per me importante, quanto per gli eritrei e gli etiopi le
vechie carte italiane su dove tra le sabbie del deserto passa il confine.

In lista soci, all'interno di uno scambio con Stefano, domandavo e non ho
ricevuto risposta:

[replicavo a Stefano] Del tutto in sintonia [col fatto che la delega
IANA-ICANN l'abbia solo lo IIT-CNR]. Ma questo non implica in nessun modo
che la concessione delle attività di regolamentazione per .it sia stata
data 'motu proprio' dall'IIT-CNR alla NA, e quindi sia da questo
revocabile. [vedi saggio Trumpy-Caneschi a http://www.isoc.it]

Proprio perchè l' 'assetto delle componenti RA-NA del nostro registro' è
questione fuori da IANA-ICANN, non puoi sostenere che il fatto che la
delega IANA-ICANN sia al IIT-CNR abbia rilevanza  nel decidere se la
relazione IIT/NA sia oggi da concepire nei termini del 'motu proprio' o no.

Quello che lo IIT manca di mostrare è un documento a sostegno di questa
ricostruzione del 'motu proprio'. La storia pubblicata al sito del nic/NA
non menziona nessun 'motu proprio' di quel tipo.

Siccome questa storia del 'motu proprio' l'hai anche scritta in un saggio
di carattere scientifico (e non solo in discussioni brainstorming su liste
colloquiali)  è del tutto lecito chiederti di offrire la pezza
giustificativa. Se me la offri, ne prenderò atto.

Fine autocitazione.
Io sono ancora in attesa.
ciao
mario

At 10.47 05/12/03 +0100, Control C wrote:
>chiari mario wrote:
>>
>> Giorgio,
>>
>> facciamo la Costituzione :-)
>.......
>> con questa, direi passo e chiuso. A te l'ultima
>
>:-)
>
>L' Articolo 1. c'e' gia'.
>
>Affrontiamo la burrasca a schiena diritta, insieme io dico, Mario, e
>guardandole negli occhi le cose in fine, perche' comunque la verita' e
>sempre semplice, come uno schiaffo - diceva quello la'.
>
>"L' Istituto CNUCE del CNR, in quanto conosciuto per la partecipazione
>al progetto ARPA, veniva incoraggiato dai partner dell' Internet
>Italiano a gestire la assegnazione dei nomi a dominio per il ccTLD
>."it", nonche' l' assegnazione degli indirizzi IP per il GARR, ed a
>questa richiesta ha aderito, iniziando la gestione del servizio nel
>1988"
>
>IAT-B4-1998-007 Technical Report
>
>Ciao
>Giorgio
>:::::::
>
>



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe