Codice p.i. (x Mario Chiari)

Mario chiari.hm a FLASHNET.IT
Ven 19 Dic 2003 12:43:25 CET


Alessia,

io sono in perfetta sintonia, fin dai tempi di Passigli.

Giro alle nostre liste. Enzo (Fogliani) si è appena preso la generosa gatta
da pelare di un Gruppo di lavoro isoc.it sulle problematiche dei nomi a
dominio (btw: a cui tutti sono invitati a collaborare, i GdL di isoc.it
sono aperti anche ai simpatizzanti, senza nemmeno pagamento della quota :-)
), e quindi direi per i dettagli della formulazione sul da fare a breve la
palla passa a lui. (Enzo Ok?)

Ovviamente, per noi poi ci vorrà il passaggio in Consiglio. Date le
festività, prima proponi i dettagli di quel che proponi meglio è.

ciao
mario

ps. mi permettete di fare il bastian contrario anora una volta: l'idea che
i nomi a dominio siano da registrare in un registro pubblico, ovvero che
l'atto di registrazione non sia categorizzabile come contratto tra un
privato-utente e un registro-imprenditore, mi sembra condivisibile.
Personalmente sarei più a mio agio se questo aspetto della proposta di
questo codice non fosse al centro delle critiche.




At 11.28 19/12/03, ambrosini a andreamonti.net wrote:
>Ciao Mario,
>
> > Sono io che salto troppi msg in lista, è una bozza già decaduta, o
> > siamo dei fessi totali?
>
>Purtroppo la bozza non e' decaduta, magari lo fosse!
>E abbiamo anche pochissimo tempo per produrre il documento.
>Di qui la mia dead line al 28/12/03.
>Se vuoi (e se la cosa e' fattibile), puoi girare la mia email anche nella
>lista isoc e
>raccogliere i relativi contributi, che mi girerai il 29/12.
>In questa maniera usciamo con un documento congiunto, firmato da piu'
>associazioni.
>In altri termini, si spera di  "pesare di piu' ".
>
>Ciao.
>Alessia



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe