le bozze 1.1?

Andrea Mazzucchi jesus a NEXUS.IT
Ven 10 Gen 2003 11:16:56 CET


>On Thu, 9 Jan 2003 17:13:26 +0100 (MET), you wrote:
>
>>>  ma abbiamo *realmente* bisogno di questa firma?
>>
>>No.
>
>Io chiederei a un legale... ad esempio in una azienda nessuno comincia
>a lavorare ad una commessa se non c'e' una firma su un pezzo di carta:
>ho visto tanti accordi stretti e strafatti a parole venire poi
>rinnegati con il "non abbiamo firmato niente". E' vero che nel nostro
>ordinamento esiste l'impegno verbale, ma senza un pezzo di carta
>firmato vai a dimostrare che cosa veramente fosse stato pattuito...
>(se non sbaglio l'e-mail, a differenza ad esempio del fax, non ha
>valore legale).

Nel nostro ordinamento esiste il fatto concludente. Non mi azzardo a
fare esempi e non mi addentro in dissertazioni che lasci ai numerosi
legali presenti in lista. Sta il fatto che ti posso garantire che
cosi' com'e' la cosa e' pienamente valida ed operativa. Tanto piu'
che c'e' un Ministero di mezzo...

>
>Insomma un contratto fatto con tutti i crismi sarebbe una garanzia di
>certezza per tutti e risolverebbe il dubbio alla radice :) (a meno che
>non mi dimostriate che il progetto di Fondazione va avanti cosi' in
>fretta che il problema e' gia' obsoleto)

Stefano ha ribadito piu' volte, sia a Claudio che a me personalmente,
che non ha nessun problema a mettere la firma sotto al MoU. Se tutti
quanti stanno piu' tranquilli vorra' dire che alla prima occasione
buona si firmera' questo benedetto pezzo di carta. (-:

Ad ogni modo credo che, se proprio non riesci a resistere nell'attesa
(-:, una buona idea potrebbe essere quella di prendere il MoU,
sottoscriverlo per presa visione e allegarlo al nuovo contratto
assieme alle regole 3.9 che ad esso sono gia' allegate.


Ciao

--
------------------------------------
Andrea Mazzucchi

Direttore del Comitato Esecutivo della Naming Authority Italiana
Italian Naming Authority Executive Committee Director

http://www.nic.it/NA



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe