PROPOSTA: Limite alle registrazioni per i privati

Marco d'Itri md a LINUX.IT
Dom 9 Mar 2003 15:14:40 CET


On Mar 09, enzoviscuso a TIN.IT wrote:

 >Due-tre anni fa c'era in giro la voce che le due lettere famigerate fossero
 >"bq--".
Capita spesso che chi basa le proprie scelte commerciali su delle "voci"
abbia quello che merita. Era ben noto tra gli addetti ai lavoro che il
prefisso era provvisorio.

 >Netsol aveva gia' registrato parecchi domini .com con gli accenti.
 >Infatti erano gia' occupati pubblicità.com/net/org e verità.com/net/org.
 >Adesso vorrei sapere se Netsol rendera' i $$ a chi ha registrato questi
 >domini (almeno 3x35 $ cadauno)
Spero proprio di no, la stupidità deve essere costosa.

 >oppure se automaticamente rimangono validi e modificano la trascodifica
Non vedo perché. Il dominio è stato registrato ed ora se lo tengono.

 >secondo il nuovo (definitivo?) standard.
Sì, definitivo. Basta conoscere un minimo i processi di IETF per
capirlo.

 >Avevo allora calcolato l'equivalente di "pubblicità.it" e lo avevo
 >registrato (ovviamente
 >non me importava nulla, era solo per prova; e mi scordo sempre di dismettere
 >questo bq--abyhkytcnruwg2lu4a.it ).
 >Ovviamente non tento la stessa cosa con l' "xn--".
È una tua scelta. Io avevo pensato di fare un po' di soldi facili, ma
non ho abbastanza spirito imprenditoriale per prendermi il disturbo di
cercare un maintainer e poi cercare di rivenderli. Avevo suggerito la
cosa ad alcuni amici ma non so se qualcuno lo ha fatto.

 >Secondo me occorrerebbe impedire le registrazioni prima della loro
 >introduzione,
Lo avevo proposto, ma ormai è tardi perché chi ha voluto ha già potuto
registrare degli IDN.

--
ciao,
Marco



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe