registrazioni illimitate? [rispedizione]

Gian Carlo Ariosto ariosto a WINCOM.IT
Lun 10 Mar 2003 03:06:10 CET


At 00.10 10/03/03 +0100, avv. gianluca navarrini wrote:
>Bada bene: la sentenza non d alcun diritto di prelazione a
>colui che ha agito vittoriosametne in giudizio. Quindi potrebbe darsi che
>chi ha vinto il processo si veda poi "soffiare" da un terzo la registrazione
>del dominio che - per effetto della revoca della precedente registrazione -
>si  reso disponibile.


Non e' esatto: l'art. 14 comma 4 delle regole vigenti recita
"14.4 Contestazione Risolta
La RA considera una contestazione come risolta nel momento in cui
...
riceve notifica di sentenza passata in giudicato dell'autorita'
giudiziaria, o lodo arbitrale passato in giudicato che risolve la
questione; oppure ..."

L'art. 14 comma 6, che contempla il caso di cui sopra con vittoria del
ricorrente, recita:
"Risolta la contestazione, la RA non rende disponibile il nome a dominio
contestato per libera assegnazione per almeno 30 giorni. La RA deve inoltre
invitare, non oltre 10 giorni lavorativi dalla risoluzione della
contestazione, la parte che ha iniziato la contestazione ad iniziare la
normale procedura per l'assegnazione del nome a dominio. Se la procedura
per l'assegnazione non viene iniziata entro 30 giorni dal momento in cui la
contestazione e' stata risolta, il nome a dominio puo' essere nuovamente
assegnato dalla RA a chiunque ne faccia richiesta."

Quindi, una volta passata in giudicato la sentenza, il ricorrente avra' 30
giorni di tempo per registrare "in esclusiva" il nome a dominio, purche' si
sia ricordato di notificare alla RA l'inizio della contestazione...


Cordiali saluti.
Gian Carlo Ariosto

  /*\  .. . . . . . . . . . . . .
  \ / . ASCII Ribbon Campaign .
   X .- NO HTML/RTF in e-mail .
  / \ .- NO Word docs in e-mail.
/   \ .. . . . . . . . . . . . .



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe