controllo periodico sulle deleghe

Gian Carlo Ariosto ariosto a WINCOM.IT
Gio 13 Mar 2003 18:56:43 CET


At 20.01 12/03/03 +0100, Marco d'Itri wrote:
>On Mar 12, Alessandro Ranellucci <alex a PRIMAFILA.NET> wrote:
>
>  >Avevamo parlato, tempo fa, di un controllo periodico per la casella
>  >postmaster (visto che  al momento obbligatoria): quali conclusioni ne
>  >avevamo tratto?
>Bocciato dalla RA.
>Ma in compenso il CE decise che le segnalazioni di postmaster
>irraggiungibili vadano inviate per raccomandata (non si sa mai che
>qualcuno voglia mandarle davvero...)


Abbiamo inventato il limite di velocita', ma hanno abolito gli autovelox... :-(
Credo che un po' di ripasso cronologico su ITA-PE possa far bene:


At 17.43 09/07/01 +0200, Piero Serini wrote:
>L'indirizzo di mail "postmaster a ...."  obbligatorio e DEVE esistere
>per qualunque nome a dominio che accetti posta RFC822, non solo
>in Italia, ma in tutto il mondo.
>
>Un tempo, quando i nomi a dominio erano nettamente (due ordini
>di grandezza) meno di ora, IT-NIC (allora GARR) faceva ogni mese
>il controllo che postmaster a ..... E le persone nel tag postmaster:
>di ogni nome a dominio fossero raggiungibili.
>
>Adesso non viene pi fatto ed , a mio avviso, un male.

At 19.34 09/07/01 +0200, Marco d'Itri wrote:
>Assolutamente d'accordo.
>O in alternativa la RA ci spieghi che genere di "prove" richiede per
>accettare segnalazioni di domini da chiudere perche` senza l'indirizzo
>postmaster funzionante.

At 19.36 09/07/01 +0200, Daniele Vannozzi wrote:
>Credo che  sia  facilmente intuibile che il problema non sia la
>disponibilita' di una macchina con cui far girare una procedura
>per il check di postmaster@<dominio-registrato>.it, anche se il
>problema di "scala" non e' banale.
>Ma il fatto di modificare le "procedure" attuali che al momento
>prevedono solo i controlli "su richiesta/sollecitazione".
>Come ha gia' scritto il mio collega Maurizio Martinelli e' in
>corso la "revisione/riscrittura" del check sintattico dei domini
>e tra le molte cose "in pentola" c'e' anche quella della verifica
>di postmaster@<dominio-registrato>.it.

At 08.15 16/07/01 +0200, Daniele Vannozzi wrote:
Wincom wrote:
 > Vorrei fare una domanda retorica e provocatoria: se a postmaster a dominio.it
 > (e magari anche alla e-mail indicata nel tag postmaster) risponde un robot
 > con il classico messaggio precotto "grazie per averci scritto, prenderemo
 > in considerazione il Suo messaggio al pi presto" (molto frequente sulle
 > e-mail degli abuse@), ma poi nessun essere umano legge i messaggi, si  in
 > regola con le RFC (e le regole di naming) o no?
Credo che sia impossibile dare una risposta precisa e puntuale alla tua
domanda, chi attiva un dominio dovrebbe mettere in conto che tra gli
oneri che si porta dietro c'e' quello di leggere la posta indirizzata
a postmaster@<dominio-registrato>.it, e' ovvio che non puoi mettere
nelle regole e procedure entro quanto deve rispondere alle richieste ...
se non lasciandolo alla ragionevolezza.

(luuuuuuuuuuunga pausa)

At 07.37 18/06/02 +0000, Maurizio Codogno wrote:
Posto che per registrare un dominio .it il contatto *non e`*
l'indirizzo postmaster a dom.in.io, ma il NIC Handle indicato nel modulo,
cosa mi vieterebbe di avere un dominio che NON VOGLIA avere un
receiver-SMTP?

At 09.28 18/06/02 +0100, Claudio Allocchio wrote:
>  - NON e' necessario rispecificare nelle regole di naming gli standard,
>perche' sono GIA' obbligatori di per se. La specifica del postmaster e'
>una condizione che esiste dal 1985 come condizione per registrare un
>dominio nel ccTLD "it".

At 23.49 18/06/02 +0200, Griffini Giorgio wrote:
- Il fatto di avere un receiver SMTP non e' direttamente desumibile dalla
definizione della zona (tant'e' che posso risolvere la posta anche senza
definire dei record MX) e non essendo missione della RA il verificare se gli
host di chicchessia siano conformi 'in senso ampio'  le verifiche si
limiterebbero, in base alle regole piu' restrittive stabilite da noi di cui
sopra, a
verificare che il destinatario sia raggiungibile. Notare che la local-part
'postmaster' deve essere trattata in modo speciale ed accettata anche senza
la parte del nome a dominio ed in tal senso anche il riscontro su
postmaster a gov.it non e' 'molto pulito'  perche' l'unico motivo per cui e'
possibile non accettare posta per postmaster (e in conseguenza quindi per
gli altri)  e' se il receiver SMTP ritorna un 554 all'atto della connessione.
- La Netiquette (RFC1855) vale per tutti, compreso chi il servizio di posta lo
offre , non solo per arrabbiarsi giustamente con chi fa spam. E nella
Netiquette, sotto la voce 'Administrator Issues', c'e' scritto chiaramente cosa
sarebbe opportuno fare. (Assicurarsi che 'postmaster' funzioni e che risponda
un umano)

At 14.26 19/06/02 +0200, Andrea Mazzucchi wrote:
la raggiungibilita' del postmaster a dominio.it e' necessaria
sempre e comunque.

At 17.23 19/06/02 +0200, Gian Carlo Ariosto wrote:
>Quale RFC prevede che ogni dominio debba avere per forza un server SMTP??
>Che senso ha imporre una cosa del genere???

At 10.01 20/06/02 +0100, Claudio Allocchio wrote:
>Nello spirito delle regole di naming c'e' SEMPRE stato il concetto che
>deve esistere associato ad un dominio la sia casella di posta elettronica
>con identificativo "postmater", e se qualcuno se ne era dimenticato o non
>se ne era mai accorto, e' solo perche' da qualche tempo per motivi
>tecnici non arriva piu' il test di esistenza di quella casella da parte
>della RA. Non vi preoccupate... sta per venire ripristinato e ve lo
>ricorderete piu' facilmente.

At 15.58 20/06/02 +0200, Alfredo Veglianti wrote:
>I messagi scambiati mi confermano invece un dato che avevo avuto modo di
>notare quale responsabile di un ente conduttore: che pochissimi domini
>hanno l'indirizzo postmaster. (tanto per dare dei numeri, gli ultimi 17
>domini sottoposti a procedura non ce l'hanno!!)

At 12.12 19/12/02 +0100, Raimondo Bruschi wrote:
>Ho scritto circa 4 msesi fa una raccomandata
>segnalando ad RA che l'utente postmaster di un dominio non era risolvibile,
>allegando a coprova la mail di errore in Date: Fri, 2 Aug 2002 16:59:25
>+0200 .
>Chiedendo come da regole e precisazioni che ....
>Ricordiamo tutti le discussioni sul tema e le precisazioni chiare e
>inequivocabili !
>
>A tutt'oggi non ho ricevuto risposta, la mail e' sempre non risolvibile..
>Ho da parte copia della ricevuta AR , copie messaggi e quanto serva.

(silenzio...)


Cordiali saluti.
Gian Carlo Ariosto

  /*\  .. . . . . . . . . . . . .
  \ / . ASCII Ribbon Campaign .
   X .- NO HTML/RTF in e-mail .
  / \ .- NO Word docs in e-mail.
/   \ .. . . . . . . . . . . . .



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe