regole e leggi

Maurizio Codogno puntomaupunto a TIN.IT
Lun 24 Mar 2003 11:07:32 CET


>From: "avv. gianluca navarrini" <avv.navarrini a tin.it>


>Caro .mau.,
>la "legge" è sovrana e può disporre quel che vuole.

E fin qui non c'e` troppo da dire, anche se gradirei che perlomeno
non sia incoerente...

>Il limite della sovranità della legge è costituito dai confini dello stato
>(principio della territorialità del diritto); anche se poi in moltissimi
>casi anche la legge sconfina, per andare a disciplinare la vita dei
>cittadini dello stato che non si trovano sul territorio dello stato medesimo
>(principio della personalità del diritto).

E questo l'ho imparato ai tempi del DDL Passigli... :-) Ma per
fortuna in questo caso non c'entra, e quindi la cosa si semplifica.

>il fatto che Luca Armani non abbia registrato uno
>dei seguenti nomi a dominio [...]
>lo ha esposto all'azione del ben più noto Giorgio Armani.
[..]
>b) Luca Armani non ha registrato il dominio per esporci la foto
>della prima comunione dei nipotini, ma per promuovere un'attività
>commerciale (il timbrificio);

Come ha fatto gia` notare Menchetti, in ogni caso nel 1997 non
era possibile per un privato registrarsi un nome a dominio, quindi
la cosa e` ovvia.

Ma quello che a me non torna e` una cosa che e` piu` ampia, rispetto
a Internet. Partendo da questa sentenza, e` assolutamente impossibile
registrare un nome a dominio corrispondente a un marchio notorio (o
rinomato), visto che non si possono avere due nomi uguali in un albero.
Ma a questo punto non vedo perche` la cosa debba valere solo per i
nomi a dominio, e non per una qualunque altra attivita`! Quale
sarebbe la differenza? In ogni caso c'e` una prevalenza del marchio
piu` rinomato sul (non ancora) marchio che rinomato non e`...

(inoltre c'e` una cosa che mi ha sempre infastidito: il fatto che non
esista un elenco di "marchi notori", che renderebbe la vita molto piu`
semplice!)

>Infine (e sia di monito per chi continua a far finta di non capire
>che l'ordinamento statale è il quadro in cui ci dobbiamo muovere e
>non contro il quale ci dobbiamo muovere),

A dire il vero, io - e credo molti altri tra quelli che sono resistiti
qui in lista - saremmo felicissimi di muoverci *assieme*
all'ordinamento statale. Solo che non mi pare che stia succedendo
questo! E allora tanto vale modificare le regole di naming e dire
che e` vietato registrare un nome a dominio corrispondente a un
marchio rinomato...

ciao, .mau.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe