E se... (Creare valore, non distruggere)

chiari mario chiari.hm a FLASHNET.IT
Mar 25 Mar 2003 15:27:19 CET


At 12.04 25/03/03 +0100, Paolo Zangheri wrote:
>Claudio Allocchio wrote:
>
>> A rischio di sentirmi dire da Paolo che sono il solito .... ne abbiamo
>> gia' discusso n volte, dei sottodomini tematici. (era solo per
>> ricordarlo).
>
>Hai ragione, sei il solito. :-)
>
>Adesso che ci siamo ricordati di averne già discusso, possiamo
>continuare, e magari arrivare ad una decisione ?
>
>La questione non è quella dei sottodomini tematici, ma di reagire ad una
>serie di eventi che potrebbero portare ad uno stravolgimento del ccTLD
>.it, ovvero l'affermarsi, in altri ambiti, del concetto che la
>registrazione del marchio implica una sorta di prenotazione del
>corrispondente dominio.

- questo è certo da evitare, ma come?

se l'interpretazione è che l'uso <nome_di_marchio_notorio>.it da una
qualsiasi altra entità commerciale distinta dal detentore del marchio
marchio_notorio è un abuso, allora non vedo che cosa cambierebbe avere il
SDL .tm.it: Armani, lo stilista, si prenderebbe armani.tm.it e
continuerebbe ad obiettare ai tipografi suoi omonimi.

Il problema è vincere la battaglia, culturale più che legislativa, che i
nomi di dominio per di se stessi sono 'device' per permettere la
telecomunicazione tra due o più soggetti, e che di il 'solo' uso di un nome
di dominio come identificativo per la telecomunicazione, anche quando la
stringa  'corrisponde' a un marchio registrato, non è un abuso di quel
marchio.

mario



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe