Verbale 33o CE

Daniele Vannozzi Daniele.Vannozzi a IIT.CNR.IT
Mer 14 Maggio 2003 12:18:13 CEST


Marco d'Itri wrote:
> Che genere di carta bollata è necessaria per avere una risposta?
> Per caso c'è qualche indicibile segreto che non può essere rivelato?
>
> In particolare, ritengo che l'affermazione riguardante i glue record
> AAAA sia molto grave, e quindi mi sembra naturale che chi l'ha fatta
> sia interessato a difenderla.
>
> On May 05, Marco d'Itri <md a XN--LZG.LINUX.IT> wrote:
>
>  >...
>  >
>  >On Apr 28, Marco d'Itri <md a XN--LZG.LINUX.IT> wrote:
>  >
>  > >Ripeto le domande, nel caso fossero sfuggite agli interessati durante
>  > >le ferie.
>  > >
>  > >On Apr 22, Marco d'Itri <md@€.linux.it> wrote:
>  > >
>  > > >On Apr 21, Andrea Mazzucchi <jesus a nexus.it> wrote:
>  > > >
>  > > > >Al termine della discussione durante la quale anche gli altri
>  > > > >partecipanti alla riunione esprimono il loro punto vista si conviene
>  > > > >di rimandare qualsiasi decisione in merito dopo la conclusione delle
>  > > > >attività relative all'introduzione dei domini "IDN" nel ccTLD "it" a
>  > > > >causa della ovvia implicazione che questo tema comporterebbe anche
>  > > > >riguardo al punto in esame.
>  > > >Lo chiedo di nuovo: a me il passaggio logico non sembra così ovvio,
>  > > >qualcuno può spiegarmelo?
>  > > >
>  > > > >durante la quale, visto lo stato dell'arte a livello mondiale, il CE
>  > > > >ringrazia la RA per il lavoro svolto e conviene con la RA
>  > > > >l'inopportunità al momento di procedere con la registrazione di
>  > > > >domini mediante l'utilizzo di record AAAA nei moduli, fermo restando
>  > > > >quanto raccomandato nelle precedenti riunioni.
>  > > >Sono perplesso. Lo stato dell'arte a livello mondiale è che i gTLD di
>  > > >Verisign (es: whois dot.ep.net -h whois.crsnic.net) ed alcuni ccTLD
>  > > >permettono la registrazione di glue record AAAA e non mi risulta che
>  > > >questo per ora abbia causato problemi operativi. Visto che a quanto pare
>  > > >CE ed RA hanno un'esperienza diversa li invito a parlarcene ASAP, perché
>  > > >sarebbe una novità importante.

Marco,
provo a spiegarti con altre parole la mia posizione sull'argomento
e quanto ho detto a nome della RA durante la riunione.
I problemi connessi a IPV6 sono due, uno relativo alle deleghe IPV6
(record AAAA) "nell'albero dei nomi" ed uno relativo all'accettazione
di domini nel ccTLD "it" con deleghe IPV6 (record AAAA). Per il primo
punto all'ultimo RIPE di gennaio e' stato ribadito dalle persone di
ICANN che erano presenti che non avrebbero, per il momento, accettato
deleghe di TLD con record AAAA per problemi di "visibilita'
e compatibilita'" con IPV4. Se in futuro vi saranno evoluzioni a
livello mondiale ne prenderemo atto e provvederemo di conseguenza.
Per il secondo punto abbiamo convenuto che vista la situazione sopra
descritta a livello mondiale fosse prematuro accettare deleghe con
solo record AAAA , Questo non impedisce alla RA di iniziare a pensare
a quanto e' necessario fare per l'adozione dei record AAAA nelle deleghe
dei domini registrati nel ccTLD "it".


>  > > >
>  > > > >secondari del ccTLD "it": a breve verrà modificata la delega ad ICANN
>  > > > >al fine di rimuovere due dei nameserver secondari storici del ccTLD
>  > > > >"it" (dns2.iunet.it e dns2.it.net) rimpiazzati nella loro funzione da
>  > > > >una macchina del Registro in housing presso il MIX (it2.mix-it.net).
>  > > >Peccato, perché dns2.iunet.it è quello che nei miei test ha mostrato le
>  > > >prestazioni migliori...
>  > > >WIND ha deciso che non vuole più sponsorizzare il servizio? Perché
>  > > >altrimenti non capisco il senso di toglierli entrambi, visto che
>  > > >rimarrebbero:
>  > > >- it2.mix-it.net
>  > > >- dns.nic.it, con connettività propria verso il MIX (che in questo
>  > > >  istante mostra una latenza media di 47 ms (per confronto, arrivo in
>  > > >  1 ms a it2.mix-it.net))
>  > > >- i due con connettività GARR, che dall'inizio dell'anno nelle ore di
>  > > >  punta ha significativi problemi di congestione al MIX
>  > > >- i due all'estero
>  > > >
>  > > >Che non mi sembra una situazione ideale.

Marco, lo scopo del progetto che lo IIT-RA sta portando avanti e'
proprio quello di migliorare nella sua globalita' il servizio dei
dns secondari del ccTLD "it". Per questo e' stato e sara' necessario
razionalizzazione e stipulare accordi con i gestori dei dns secondari.
Per quanto riguarda nello specifico i tre dns che tu citi sopra,
riteniamo che la soluzione offra buone garanzie in termini di
affidabilita' ed efficienza del servizio e che sia in linea con
gli obiettivi del progetto che stiamo portando avanti. Il progetto
e' tutt'ora in corso e stiamo proseguendo contatti e valutando
soluzioni.

>  > > >
>  > > > >Verrà inoltre recepito lo spostamento del nameserver secondario
>  > > > >attivo negli USA presso PSI, recentemente oggetto di una acquisizione
>  > > > >da parte di Cogent. Lo scopo del progetto portato avanti dalla RA
>  > > > >sull'argomento dovrebbe portare ad avere un "Service Level Agreement"
>  > > > >(SLA) con ogni organizzazione presso cui è/sarà ospitato un
>  > > > >nameserver secondario del ccTLD "it". Il primo SLA è stato stipulato
>  > > > >nei mesi scorsi con il MIX di Milano ed altri sono in via
>  > > > >definizione. Il CE ringrazia la RA per le precisazioni fornite
>  > > > >sull'argomento.
>  > > >Questi SLA sono destinati a rimanere segreti o si può vederli?

Non e' un problema di segretezza ma del rispetto degli accordi presi tra
lo IIT-RA e le organizzazione che ospitano un dns secondario del ccTLD
"it".
I principi che sono alla base del progetto e quindi degli SLA sono stati
inviati da Maurizio Martinelli alla lista ita-pe nei mesi scorsi.

Spero di averti chiarito un po' meglio la situazione.

Saluti,

                Daniele Vannozzi


>  > > >
>  > > >--
>  > > >ciao, |
>  > > >Marco | [551 imt72s1x/dzto]
>  > >
>  > >--
>  > >ciao, |
>  > >Marco | [666 afDpJiui9OiUc]
>  >
>  >--
>  >ciao, |
>  >Marco | [805 urGdLhtij76fM]
>
> --
> ciao, |
> Marco | [901 ac.5jwj1FGszM]



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe