[ita-pe a na.nic.it] OT:Lista abuse a na.nic.it - Garanteprivacy - provvedimenti d'ufficio

Mnt-IperV Ing. Dino Bortolotto ita-pe a IPERV.IT
Lun 3 Nov 2003 19:28:07 CET


Caro Francesco,
concordo pienamente con la tua analisi ed appoggio la tua richiesta di
gestione diretta di
abuse a na.nic.it da parte del garante e/o da parte della polizia postale ;-)
che da quello che mi risulta e` ora inglobata nella polizia di stato
http://www.poliziadistato.it/pds/informatica/index.htm

Saluti
Dino Bortolotto


----- Original Message -----
From: "Francesco ORLANDO" <tech a RCART.COM>
To: <ITA-PE a NA.NIC.IT>
Sent: Monday, November 03, 2003 6:02 PM
Subject: [ita-pe a na.nic.it] OT:Lista abuse a na.nic.it - Garanteprivacy -
provvedimenti d'ufficio


> Salve a tutti,
>
> faccio seguito al mio msg in questa stessa lista pubblica:
> http://listserv.nic.it/cgi-bin/wa?A2=ind0310&L=ita-pe&D=1&O=D&P=22335
> a cui vorrei aggiungere qualche altra considerazione puramente personale.
>
> Apprezzo molto il lavoro svolto dal "nostro" Garante, sia in ambito
nazionale, che a livello europeo,
> quindi vorrei che evitaste di leggere questo mio messaggio come una
critica nei suoi confronti.
>
> Nei confronti dello SPAM,
> sempre secondo me,
> sembra che sia stata adottata una linea "eccessivamente morbida",
> che non aiuta certo i poveri utenti a difendersi da questo fenomeno che,
> se da un lato provoca la disaffezione per il mezzo tecnico da parte degli
utenti finali,
> provoca indirettamente e direttamente danni anche agli operatori del
settore.
>
> C'e' stato qualche rarissimo caso in cui, a seguito di denuncia formale,
> l'utente si e' visto riconoscere il suo *diritto a non essere disturbato
da chiunque*
> con un bell'assegno di 250euro.
> #
> Notare che uso il termine "rarissimo" non perche' il Garante si e'
occupato di pochissimi casi,
> ma perche', se raffronto il numero delle denunce *totali* al Garante con i
msg di spam che ricevo,
> nella mia casella personale, in un solo mese, il numero delle denunce non
raggiunge nemmeno un punto percentuale.
> #
> Mi rendo conto che, in mancanza di denuncia formale, l'Ufficio NON ha
l'obbligo di attivarsi,
> ma, almeno secondo me, le cose dovrebbero stare diversamente.
>
> So per certo che, trovandosi in presenza di *evidenza di reato*,
> un carabiniere, anche se "fuori servizio", avrebbe il dovere di
intervenire.
>
> Se, nella stessa situazione, venisse a trovarsi un semplice cittadino,
> avrebbe il *dovere civico* di segnalare la cosa agli organi competenti
> ed il "dovere morale" di intervenire per cercare di evitare che venga
commesso il reato.
> [ma, in quest'ultimo caso, spesso si fa finta di non vedere... :-(( ]
>
> Secondo me, il Garante (come in altre occasioni),
> dovrebbe *attivarsi d'ufficio* contro lo SPAM,
> anche in mancanza di denuncia formale da parte dell'utente.
>
> L'idea e' che, se le segnalazioni alla lista abuse a na.nic.it
> dimostrassero un'evidenza di reato/violazione,
> l'Ufficio del Garante dovrebbe attivarsi d'ufficio con delle verifiche
preliminari e,
> raccolte le prove per intervenire direttamente,
> potrebbe contattare i destinatari dello spam [AKA:autori delle "denunce
elettroniche"]
> per ottenere le dovute denunce formali *scritte*
> ed accorparle in un unico provvedimento.
>
> Questo puo' essere facilmente ottenuto,
> sia mantenendo la lista sul listserv del NIC [ma l'Ufficio del Garante vi
si dovrebbe iscrivere],
> sia facendola gestire direttamente da loro [ abuse a garanteprivacy.it ]
>
> La mia domanda e' questa:
> ...si vuole veramente (tentare di) eliminare lo SPAM, oppure <...va tutto
bene...> cosi'?
>
> cordiali saluti
> Francesco ORLANDO
> RCA-MNT
>



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe