Di nuovo, di cosa stiamo discutendo

Control C master a CHIARI.NET
Lun 17 Nov 2003 14:55:04 CET


Ignazio Guerrieri wrote:
.....
> e' per questo che francamente mi riesce difficile non intravedere una sorta
> di "ultimatum" in quella scadenza del MoU fissata al 31 gennaio prossimo.

Io credo che abbia ben fatto il CE a scrivere questo !impegno! nel MoU:
e' secondo me deleterio trascinare il *logorio* di cui parli sotto ed e'
responsabile richiamare noi stessi a delle scadenze - sopra tutto dopo
che il Min. Com. [perche' questa e' la verita' agli atti] dopo una
ventina di mesi di trattative, ha *bruciato* la Fondazione: nell'
attribuirsi un potere monocratico di vigilanza.

Una riflessione di e-gov sulla quale mi piacerebbe avere il tuo
consenso: ho letto da ratgazzo i libri sbagliati, Ignazio, e pensavo che
per le questioni di una cosa come Internet sarebbe stato ottimo che la
*vigilanza* fosse accreditata [come per la RAI, come per i Servizi] non
al dominio governativo - ma a quello parlamentare - ma noto che in
NESSUNA delle COMMISSIONI PARLAMENTARI:

Permanenti
Speciali
Bicamerali e d' inchiesta
Miste

v' ha cenno di : Informatica, Telematica, Internet, Reti, Reti di Reti,
Reti della Ricerca. Qualche allusione, tirata per i capelli, la si puo'
cogliere negli statuti di:

VII Commissione Cultura, scienza ed istruzione: cultura; scienza;
istruzione, compresa la disciplina dell'ordinamento dei docenti
universitari; diritto d'autore; ricerca scientifica; spettacolo; sport;
editoria; informazione, compresa quella radiotelevisiva; interventi per
la salvaguardia dei beni culturali.

IX Commissione Trasporti, poste e telecomunicazioni: trasporti; sistema
delle comunicazioni; infrastrutture ferroviarie, aeree e navali;
cantieristica; poste; telecomunicazioni.

X Commissione Attivitą produttive, commercio e turismo: attivitą
produttive, compresa la disciplina relativa alle cave e alla torbiere;
commercio, compreso il commercio con l'estero; tutela dei consumatori;
turismo; artigianato; politica industriale; brevetti, marchi e proprietą
industriale; ricerca applicata; energia; cooperazione produttiva.

.....

Comunque tu hai il mio consenso senz' altro su quanto qui sotto riporto:

> il vero discorso da approfondire e' proprio questo, sgomberando pero' il
> campo da ogni pregiudizio e/o aspettativa personale.
> per quanto mi riguarda, temo che il logorio del doppio binario NA-RA si sia
> manifestato gia' da diverso tempo, per una serie di ragioni piuttosto
> complesse che non possono certamente essere riassunte in questa sede, e
> sulle quali ognuno ha evidentemente la propria opinione.
> ma ricordo ancora una mail di Bruno Piarulli in tempi "non sospetti", circa
> un paio d'anni fa, il cui oggetto profeticamente recitava "e' morta la NA,
> evviva la NA!".
> e' morta perche', per come era nata, ha esaurito il proprio ruolo, e questo
> non lo dico io, lo dicono i fatti (a cominciare dalla sempre maggiore presa
> di distanze della RA; che potra' piacere o non piacere, ma e' assolutamente
> evidente ed ineluttabile).
> evviva la NA, perche' ha svolto una funzione fondamentale, rappresentando
> per giunta nella maniera piu' aperta e democratica possibile la LIC, e
> costituendo uno degli esempi piu' riusciti di struttura creata (per
> adoperare un termine caro a Stefano Trumpy :-) ) "bottom up".
> in questo quadro, mi vedra' ben disposto qualsiasi progetto che miri
> *sostanzialmente* a preservare anche nel nuovo sistema (per quanto
> ovviamente l'inevitabile evoluzione dello stesso rendera' possibile) le
> competenze, le caratteristiche di apertura e tutti quei positivi atout che
> hanno sin qui contraddistinto l'esperienza della NA.

Ciao,
Giorgio
:::::::



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe