testo integrale tuttopmi.it

Alessandro Ranellucci alex a PRIMAFILA.NET
Gio 2 Ott 2003 17:26:59 CEST


On 2-10-2003 at 11:08, Ettore wrote:

 >E' ovvio che stante così le cose noi dovremmo spingere per la
 >soluzione A che è quella che garantisce meglio i clienti da reati non
 >commessi e se è nelle competenze della NA imporre la fornitura del
 >server smtp a chi fornisce il collegamento internet altrimenti
 >elaborare una raccomandazione ai fornitori in tal senso.

Premesso che la NA non c'entra nulla, mi sembra che tu stia tracciando
un problema inesistente. Se qualcuno ha intenzione di commettere un
reato attraverso l'uso della posta elettronica, come l'invio di
materiale pedopornografico o di messaggi calunniosi, evidentemente non
userà l'SMTP del proprio ISP, anche se gli viene fornito... Poco ci
vuole ad utilizzare un proxy aperto per far perdere le proprie tracce.

Oltretutto, per parlare di colpevolezza si devono avere delle prove. E
il fatto che nel "From:" di un messaggio ci sia scritto il nome di una
persona non può essere assolutamente considerato prova...

--
Alessandro Ranellucci  (HOSTING CENTER)           <alex a primafila.net>
Ph. +39 06 6788489 - Fax +39 06 23315902 - http://www.hostingcenter.it



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe