R: Filtro RBL antispam

exec-MNT-RCA - Francesco ORLANDO tech a RCART.COM
Mar 2 Set 2003 22:57:41 CEST


On Tue, 2 Sep 2003 20:54:28 +0200, mntner a interazioni.it
<mntner a INTERAZIONI.IT> wrote:

>Sinceramente, penso che sia molto poco fattibile.
>
>Innanzitutto, non mi piace l'idea di dare alla RA la gestione di una serie
>di archivi da aggiornare in tempo reale a seconda dello stato dei domini.
>

:-))

... questa "serie di archivi da aggiornare in tempo reale a seconda dello
stato dei domini"
mi sembra tanto quello che chiamano RNA, ossia il Registro.

dato che, questo compito, e' gia' svolto egregiamente da RA,
ritieni forse che non sarebbe il caso di "affidarne loro un altro"?

ma, dato che quest'altro incarico di gestire una "serie di archivi etc.etc."
ce l'avranno presto [.EU], ormai siamo a 2 (incarichi).

forse, ma e' solo una mia interpretazione,
intendevi che, forse, sarebbe meglio non affidarne loro un terzo...

in questo caso, sono d'accordo con te,
anche se nessuno puo' impedire loro di "collaborare attivamente"
a qualche progetto del genere...

>Secondo, visto che gestisco un servizio per utenti che con la posta ci
>lavorano, non ho la minima intenzione di bloccare una lettera valida solo
>perché viene da un "sistema" incriminato.
>

...strano! ;-)

i miei "utenti che con la posta ci lavorano",
preferiscono ricevere solo posta valida
e limitare (il piu' possibile) la posta "indesiderata"...

>Ci sono già passato, e i miei
>utenti preferiscono ricevere SPAM piuttosto che perdere messaggi utili.
>

utilizzavi delle blacklists,
oppure avevi attivato in "infausto" filtro per contenuti?

>Oltretutto, penso che le misure suggerite siano completamente inutili. Lo
>spammer esperto se ne frega di questi strumenti tecnici, in quanto se vuole
>può spedire da qualsiasi PC senza usare alcun server di appoggio, ed in
>questo caso diventa impossibile tenere traccia di tutti gli indirizzi IP
>dinamici.
>

intendi dire che offri un servizio professionale
e ricevi ancora posta da IP dinamici?
...

>Riguardo ai virus, stesso discorso, con l'aggravante che a mandare i virus
>sono quasi esclusivamente i client, non i server (IIS escluso).
>

tanto per darti qualche statistica:
negli ultimi 3 mesi,
ho *evitato che arrivassero*, utilizzando una DNSBL, piu' virus
di quanti sia riusciti ad intercettarne l'antivirus *dopo che erano stati
recapitati*...

non dico che l'antivirus non li avrebbe poi intercettati,
ma che la DNSBL mi ha risparmiato, se non altro,
un bel po' di banda....

>Penso che l'unica soluzione per la SPAM sia giuridica.

infatti pare che il Garante dovrebbe implementare proprio una DNSBL

>Se chi ti invia SPAM è una ente/società/persona residente in Italia, ti
>rivolgi al garante e lo denunci.
>

...questa, non dimentichiamocelo, e' la Rete Internet.
se abbiamo una necessita' impellente, e' proprio quella di *risolvere i
problemi nel minor tempo possibile*

sono disposto ad accettare che il Garante possa metterci anche 1 mese,
oppure un anno (non conosco i tempi esatti, ma non sono importanti)
a "definire una situazione" e multare lo spammer,
ma, in tutto questo tempo, i suoi messaggi avranno raggiunto lo stesso il
loro scopo originario.

le DNSBL hanno in comune la caratteristica di essere in realtime,
cosa che, per un qualsiasi "organismo burocratizzato", e'solo una chimera.

spero di sbagliarmi!

>Ciao,
>
>Tonino
>
ciao
Francesco



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe