Filtro RBL antispam

Ettore box a STARNET.IT
Mer 3 Set 2003 10:58:25 CEST


Onestamente le BL si sono rivelate l'unico strumento utile per arginare lo
spam, ma non sono risolutive e presentano moltissimi problemi di varia
natura al punto da essere una delle problematiche più delicate che conosca
relativamente alla posta.
L'idea di un ente o una serie di enti atti a certificare i criteri delle
BL e la loro qualità è secondo me importante e la RA potrebbe destinare
una cifra dei ricavi sui domini per finanziare un progetto serio.
Però ,anche se un po' mi ripugna ammetterlo, l'unico sistema risolutivo è
fare l'inverso delle BL, ovvero censire solo i mail server autorizzati ad
inviare posta, magari con un sistema di certificazione incrociata tra
grandi e magari un sistema gerarchico per i più piccoli, un po' come per i
domini dove la RA tiene il DB dei domini italiani e gli altri hanno il DB
delle loro estensioni e quindi il mail server della Starnetwork per
esempio è inserito nella lista dei mail server autorizzati gestito
dall'ente X ed i suoi clienti inviano mail solo utilizzando il server
della starnetwork o quello di un collega con "certificazione incrociata"
in caso di problemi.
Questa soluzione non è nè semplice nè priva di implicazioni etiche da
verificare, inoltre bisognerebbe definire il codice di comportamento e le
procedure da tenere in caso di clienti che spammano in funzione della
gravità (una cosa è il ragazzo che manda il curriculum, un'altra è lo
spammer abituale che manda milioni di mail per fartelo crescere)
però onestamente non so trovarne altre di veramente risolutive.

ciao
Ettore

>         Chiedo se fosse possibile creare una sorta di filtro rbl ufficiale
> per i
> domini .it che possa servire come limitatore di spam.
>
>         Ad oggi succede che alcuni grandi provider tollerano lo spam e
> finiscono
> su diversi servizi antispam.
>
>         Conseguenza per i piccoli: disabilitare il filtro antispam che
> contiene
> gli IP dei grandi provider italiani pena l'impossibilita' per i propri
> clienti di ricevere mail da questi server....
>
>         In caso di server rbl si potrebbe lavorare meglio in quanto
> potrebbe
> essere uno strumento consigliato su tutti i server di posta e i grandi
> passerebbero dall'indifferenza alla preoccupazione per essere elencati
> in un sito ufficiale della NA-RA (coso in futuro).
>
>         Si potrebbe pensare a diversi servizi:
> - norfc.rbl.nic.it (chi non rispetta rfc e regole di naming: postmaster@
> ecc ecc.)
>
> - spam.rbl.nic.it (chi non impedisce lo spam dai propri
> server/connessioni dial-up)
>
> - virus..rbl.nic.it (i PC che hanno un virus e inviano posta
> insiscriminatamente....)
>
> - good.rbl.nic.it (lista al contrario con elencati i server buoni che
> non sono mai comparsi nelle liste precedenti e che adottano il sistema
> di filtri rbl ecc. ecc.)
>
>         Inoltre un mix di regole dettate da NA e gestito da RA (che ha i
> finanziamenti) potrebbe rendere il tutto funzionante e funzionale.
>
>         Grazie per l'attenzione
> Picchio
> --
> ---------------------------------------------------------
> Per favore non mandatemi allegati in Word o PowerPoint,
>
>                    G r a z i e !
>
> Si veda
> http://www.fsf.org/philosophy/no-word-attachments.it.html
> ---------------------------------------------------------
> Picchiottino Roberto
> Monte Bianco TLC s.a.s.
> St. Entreves, 23 110123 - Courmayeur (AO) ITALY
> http://www.mbtlc.it/ mailto:picchio a mbtlc.it
> ------------------------------------------------------
>



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe