lista riservata??

Alessandro Nosenzo ita-pe a NOSENZO.IT
Mer 10 Set 2003 11:18:09 CEST


caro Tonino dovresti fare il giudice, ma solo in Italia: non si
capisce affatto la Tua opinione ma la difendi con arroganza e cerchi
piu' che altro autoaffermazione. E come i Giudici sei pure permaloso:
Tu puoi insultare tutti ma guai a chi si permette anche se in modo
ironico di canzonarTi come meriti.
Prendo atto che le maledizioni pesanti che mando ogni volta che mi
tocca confermare un messaggio due volte per inviarlo a questa lista
devo indirizzarle a Te, mentre prima bastava configurare un banale
script per evitare la posta non desiderata. Evidentemente critichi la
NA perche' non sa gestire tecnicamente la lista e non sai neppure
scrivere due righe di codice per evitare lo spam.
Imparerai da grande che la censura (o il moderatore) sono la fine
della liberta' e scoprirari che il mondo funziona proprio come sogni
Tu: tanti "moderatori" corruttibili che vietano ai piu' cio' che
dovrebbe essere diritto di tutti e concedono ai pochi corruttori di
fare esattamente cio' che gli pare.
Quando andrai al potere non vietare le auto perche' ci sono i pirati
della strada :-)
Con i migliori auguri.

Alessandro Nosenzo



On 9 Sep 2003 at 19:06, mntner a interazioni.it wrote:
> At 09/09/03 09/09/03 +0200, you wrote:
> ><ironia>
> >Aspettavamo infatti proprio Tonino Nati (NA-ti?) per parlare di
> >questo problema. Non avevamo infatti mai discusso nei soli 7 anni
> >(dico bene? io ci sono solo dal 2000) di esistenza della lista dei
> >motivi filosofici per cui la lista è pubblica e si può intervenire
> >pubblicamente. </ironia>
> Vedo che usi sempre il noi e classifichi le persone.
> Scusa, oracolo. La prossima volta chiederò la tua approvazione
> preventiva.
> Se qualcuno insiste, ha i suoi motivi, e se non sai quali sono
> potresti chiederglieli.
> Oppure non se ne può parlare più?
> >Fino a poco tempo fa - pur di salvaguardare questo principio - non
> >era posto alcun filtro a chi desiderava intervenire, tant'è che dei
> >messaggi che tu dici "sarebbe meglio non arrivassero" ne arrivavano
> >in proporzione di 5 (spam) a 1 (vero), finchè non ci siamo arresi ed
> >abbiamo stabilito il principio della conferma, ma - bada bene - non
> >della chiusura, della lista.
> Quando ho scatenato il putiferio che ha portato al "filtro" attuale,
> non mi sembra che proprio tutti (a meno che per te il presidente non
> sia tutti) abbiano difeso strenuamente questo principio del libero
> intervento a tutti i costi.
> Comunque, il rapporto era 20 a 1, e mi risulta che la soluzione
> attuale sia stata scelta perché era l'unica che il NIC era in grado di
> mettere in piedi, non per altri motivi filosofici.
> >Ti sembrerà fantascienza o "disorganizzazione", almeno dal tono con
> >cui intervieni (che non mi piace) ma il rischio di buttare via un
> >solo bambino, ossia un contributo, in mezzo ad oceani di acqua sporca
> >vale ancora qualcosa in NA tanto da non porre filtri automatici ed
> >indiscriminati.
> Se non ti piace il tono, provo con un semitono :-).
> <GIASCRITTO>
> Il fatto che chiunque possa scrivere mi trova d'accordo solo se c'è un
> moderatore che esamina la "congruità" del messaggio (congruità =
> argomento di interesse specifico della lista).
> E se uno scrive, deve anche poter ricevere automaticamente le risposte
> (cosa che la lista non permette, sempre per ragioni filosofiche).
> </GIASCRITTO>
> >E per una mail di spam (oltretutto "culturale" e non il solito
> >Viagra, sebbene non per questo giustificabile) passata dal filtro
> >"equo" della NA non era il caso di fare tutto questo casino.
> Il vero significato era relativo al fatto che il NIC, oltre a tutto il
> resto, non è in grado di gestire tecnicamente una lista. E quindi
> insisto perché venga eliminato al più presto (il NIC).
> Ma ti interessa il vero significato?



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe