verisign e i domini non registrati

Enzo Fogliani fog a FOG.IT
Mar 16 Set 2003 16:22:39 CEST


Il 16/09/2003 15.45.23, Emilio Brambilla <emilio a INET.IT> ha scritto:

>...serve esplicitarlo nelle regole di naming o basta il buon senso per
>dire che per il tld it. cio` non si deve fare?

La Registration Authority non č un societā commerciale, ma fa parte di un
ente dello Stato senza fini di lucro. Conoscendo le persone che ci lavorano,
escludo quindi che possano anche solo pensare ad una cosa del genere,
che tra l'altro potrebbe anche destare dubbi di legittimitā.

Quanto alla esplicitazione nelle regole di naming, direi che ciō č giā a priori
escluso. Far si' che un nome a dominio corrisponda ad un indirizzo IP
(anche se mediante l'artificio utilizzato da verisign) significa pur sempre
registrare il nome a dominio stesso. In pratica, verisign ha preregistrato a
suo nome tutti i nomi a dominio non assegnati a terzi.

Le regole di naming prevedono che la RA assegni i nomi a dominio a chi li
richiede, ma non prevede nč che prima di essere assegnati essi
appartengano alla RA stessa, nč che i nomi a dominio non registrati da altri
siano in automatico considerati registrati dalla RA stessa, che possa quindi
farli risolvere ad un indirizzo IP  di suo piacimento.

Sotto questo aspetto, quindi, per il ccTLD .it mi sento tranquillo.

Saluti a tutti.

Enzo Fogliani



-------------------------->>>  <<<--------------------------
Avv. prof. Enzo Fogliani, via Prisciano 42, 00136 Roma
Tel.:  +39-06-35346935; Fax:  +39-06-35453501
http://www.fog.it/enzo - E-Mail: fog a fog.it



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe