No

Control C master a CHIARI.NET
Lun 6 Dic 2004 21:24:16 CET


Alessandro Ranellucci wrote:

>................................La NA ha sempre lavorato pubblicamente.
>........................................................Chi ha sostenuto
> che fare le leggi e le regole in segreto permette di lavorare meglio e
> con meno interferenze ha avuto storicamente molte delusioni...

1. Sono assolutamente d' accordo con lo argomento che hai sviluppato.
2. Purtroppo non sono in grado di convalidare, per esperienza personale,
la tua descrizione sulla trasparenza della formazione delle decisioni in
Naming Authority.

Non avevo mai sollevato la puntualizzazione che, conoscendoti, son
sicuro tu non prenderai come un rimarco personale, ma per quello che
vuol semplicemente essere: testimonianza a documentazione, sopra tutto
agli iscritti di piu' fresca elezione.

Io so *personalmente* cosa abbia  significato aver proposto documento su
Secondary Level Domain in Pubblica Amministrazione e su proposta di
costituire ramo edu.it senza  risultante voto in Comitato Esecutivo,
deputato alla redazione di regole; una mancata deliberazione del thread
su iDNS pur dibattuto in lista sino ad un compiuto documento di .mau.;
una vacante dimissione sul documento di Alessia a repertorio di 4
proposte sulla LAR; il semplice silenzio a fronte di reiterata proposta
di convocare assempblea articolata in seminarii su titoli di Naming.

Io so cosa significhi richiedere la partecipazione ad una sessione del
CE, per soli e pochi minuti, solo per presentare una propria proposta
(magari stupidissima) ad evitare la lungimirante liberalizzazione che,
come noto, non ha creato alcun contraccolpo in rete. Tu non c' eri,
Alex: significava sentirsi rispondere di attendere la successiva
riunione. Che io attendo da 5 anni.

Vuoi sapere, caro Alex, cosa "e' sempre successo" nella mitica e
democratica Naming Authority Italiana ? Le lobby elette con scambio di
paccazzi di deleghe si chiudevasno a chiave nel CE.
Poi valutazano prudentemente quel " che era opportuno e non opportuno"
PROPORRE alla RA.
E nel frattempo "buttavano via" la chiave.
Rapporto fra la lista e il CE -> imbuto.

E quando qualche membro del CE "non ne poteva piu'" se ne andava
sbattendo la porta.

END

Ne vuoi saper una ? il *meccanismo* era cosi' stronzo che nemmeno i
migliori sono riusciti (perche' nel CE, questo e' il bello, mediamente
sono sempre e davvero entrati i *migliori*) a scremarlo - "non era piu'
colpa" dei membri del CE !
Ne vuoi sapere una altra ? Faceva comodo alla RA.
Ne vuoi sapere una altra ? Faceva comodo alla NA, Alex.

Ma se vogliamo dire che non era proprio cosi', accomodiamoci, please.
Ne ho sentite raccontare di peggio.

E se ho le traveggole, almeno NON mi candido, MA mi prendo il lusso di
dire quello che penso. E di dire francamente che MI FIDO di Joy
presidente e Daniele segretario: di una cosa limpidamente CONSULTIVA,
che si trova una volta al mese, che una volta al mese fa' i suoi
pubblici verbali, roba mai vista dal 1988; chissa' che cambino, le cose.

E di dire che di uno come te o come Tullio in rappresentanza di ita-pe
altrettanto mi fido.

P.S. Claudio: facciamo questo cazzo di Assemblea e chiudiamola questa
mutante ipocrisia, che e' stato un pezzo del nostro impegno dall'
ottobre 1998, d.C.
Perche', aggiungo, Claudio si e' esposto, ha detto esattamente cio' che
doveva diree, questa volta non ci sono menate, Claudio "c'e'"

Ma NOI, noi, ci siamo ?
Giorgio
:::::::



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe