Valore giuridico del MoU

presid-P-Maurizio Codogno (indipendente) puntomaupunto a TIN.IT
Mer 4 Feb 2004 10:28:26 CET


Andrea Monti:

>Il MoU e' formalmente scaduto il 31/1/04 (se non addirittura il 9/12/03)

perché? A parte che il sito della ex Naming Authority continua
a non essere stato aggiornato, e quindi l'unico modo per leggere il
MoU è spulciare l'archivio della lista [1], il MoU diceva che la NA
doveva designare il Policy Board entro e non oltre il 31/1, e questo è
stato fatto; che fino a quando non fosse stato eletto, le funzioni
sarebbero state fatte dal CE; e basta. Non c'è scritto da nessuna
parte che RA si impegnasse a dare chissà quali comunicazioni.

Non capisco nemmeno l'affermazione di Claudio che dice

  In caso contrario, dovremo trovare un modo per sostituire Ignazio.

Il PB continua ad andare avanti con cinque designati da ITA-PE.
Tutto qui.

>4 - Possiamo anche decidere di "superare" il tutto.  Ma e' una
>violazione di statuto

una delle tante che ci sono state negli anni...

>Quello che mi preoccupa e' che provider e maintainer continuano a
>rimanere nell'incertezza piu' assoluta

perché? le regole attuali non sono valide?

ciao, .mau.

PS: mi dispiace personalmente di non avere chiesto il veto sul
Comunicato n. 43, giusto per avere la *mia* coscienza in pace.
Quel MoU ha segnato la morte della ex Naming Authority che poi è
stata sancita dall'assemblea il 9 dicembre, anche se qualcuno non
se ne è ancora reso conto. Vorrà dire che
   This is the way the world ends
   This is the way the world ends
   This is the way the world ends
   Not with a bang but a whimper

[1] http://listserv.nic.it/cgi-bin/wa?A2=ind0311&L=ita-pe&F=&S=&P=1433



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe