mancanze, non capisco

Eusebio Giandomenico e.giandomenico a GORGIA.IT
Sab 14 Feb 2004 07:35:30 CET


At 19.00 09/02/2004 +0100, mnt-iperv Dino Bortolotto wrote:
><...>
>voleva sollevare la questione della legittima partecipazione di alcuni
>soggetti alla NA  e/o il loro buon diritto a determinare gli interessi della
>NA quanto meno bisognava farlo presente fin dall'inizio  .... o sbaglio???
>Non esistono gli *interessi della NA* (o di qualsiasi altra comunita`) in
>astratto, essi sono sempre e solo determinati dai meccanismi di decisione
>della comunita` <...>

Hai colto il punto centrale della vicenda, si tratta di un punto articolato
e non certo monolitico che quindi va trattato con una logica fuzzy, alla
tua domanda "sbaglio" la mia risposta potrebbe essere: sbagli al 30%. Il
che significa anche che tu hai perfettamente ragione al 70%, dunque chi si
ritiene soddisfatto dalla logica binaria si fermi qui.
Chi non e' soddisfatto puo' proseguire nella lettura ma accetta
implicitamente la ENBLPL (Eusebian Non Binary Logic Public License) che
prevede la libera lettura e modifica dei testi purche' nella ricerca del
vero si proceda senza asserzioni che possano avere come esito Vero o Falso.
EG

 >===Start ENBLPL Content====

Dunque cari amici della setta del dubbio che volete indagare il rimanente
30%, proviamo a scomporre questo residuo, a mio avviso si possono
identificare i seguenti aspetti.

1) Fiducia
E' un aspetto fondamentale che ha permesso la nascita, l'evoluzione e la
diffusione della nostra amata Rete. E' fondata sulle persone e non sulle
strutture e si basa sul presupposto - ancora valido - che la maggior parte
delle persone che si connettono alla rete pubblica lo fanno in maniera - se
non collaborativa - non aggressiva o potenzialmente lesiva al buon
funzionamento della Rete e dei suoi sistemi. Tale fiducia e' a maggior
ragione dovuta a quanti sono impegnati - a qualsiasi titolo - nelle
attivita' necessarie al buon funzionamento della Rete, e quando dico "a
qualsiasi titolo" intendo esplicitamente ricomprendere (localizzazione
italiana) in un unico patto fiduciario quanti operano nella NA o nella RA,
senza che i differenti modelli economici che consentono a ciascuno di noi
di fare la spesa possano inficiare tale patto.

2) Regole
Le regole della Rete sono la formalizzazione possibile del punto 1, possono
essere sottoscritte da persone o organizzazioni.

3) Negoziazione delle Regole
La negoziazione manipola aspetti della fiducia non formalizzati al fine di
formalizzarli. Il che - visto che fra due punti c'e' ne e' sempre un altro
- equivale a dire che delle regole che definiscano come definire le Regole
complicano inutilmente la cosa ma non eliminano la necessita' di uscire
dalle regole e di basarsi sulla fiducia.

4) Liberta' di accesso
L'accesso alla Rete e' libero, quindi non obbligatorio.

Cosa ne pensate?
EG

====Stop ENBLPL Content===<



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe